Pitti Bimbo 84: la parola ai buyer

HYUNDAI DEPARTMENT STORE, Seoul, Park Young In, Manager:
Conoscevo l’importanza di Pitti Bimbo, ma non mi aspettavo un’atmosfera così divertente! I brand sono divisi a seconda dello stile che interpretano e questo rende molto più semplice muoversi. Ogni stand ti permette di entrare nel mondo di quell’azienda, di capirne fino in fondo valori e immagine. Cosa cercavo? Nuovi brand, che non sono venduti in Corea, ma anche aziende con cui già collaboriamo per conoscerle più a fondo. Ho apprezzato molto l’attenzione rivolta al living e al lifestyle, parti ormai essenziali per ogni contenuto moda, childrenswear compreso. La fiera ha un altro punto di forza: la location! Così ricca di fascino, è una posizione davvero sinergica che racchiude sia business che arte.

DLK DESIGN LIFE KIDS (USA), Kim Wardell, Owner
E’ la prima volta che partecipo a Pitti Bimbo e sono rimasta molto colpita dalla sua location, davvero speciale. Per il mio store cercavo nuovi brand particolari, con alto contenuto moda e ricerca, per questo le sezioni che mi sono piaciute di più sono state Apartment e KidzFIZZ. Fondamentale il lato umano: conoscere personalmente i designer, confrontarsi, parlare con loro sono aspetti importanti per noi buyer. Pitti Bimbo è un perfetto mix tra le aziende consolidate del panorama moda internazionale ed emergenti. Inoltre le collezioni sono divise per sezioni quindi la fiera è semplice da capire e visitare al meglio.
 
CHILDSPLAY CLOTHING, Londra, Roberta Tomassetti, Head Buyer:
Sono ormai una veterana di Pitti Bimbo, un appuntamento fondamentale perché la nostra azienda è basata a Londra e normalmente lavora con gli agenti: venendo qui possiamo vedere l’immagine reale dei brand che scegliamo. Inoltre è un'ottima opportunità per capire il mercato. Le mie impressioni di questa edizione? Ottime. Sono contenta che la sezione KidzFIZZ sia all'ingresso della fiera, perché il suo percorso guidato consente una panoramica di tutti i brand più piccoli e indipendenti. Anche se collaboriamo con le grandi aziende, siamo sempre alla ricerca di marchi meno conosciuti, fashion e divertenti. Interessanti quindi anche le sezioni Apartment e Super Street. Forte la presenza dei buyer cinesi. La fiera si impegna a reinventarsi sempre. Dal mondo nursery all’arredamento, l’importante è non fermarsi solo al capo ma esplorare tutto il lifestyle: c’è un mondo intero da sviluppare, e il mercato lo richiede. Quello che conta è raccontare una storia al cliente. E Pitti Bimbo riesce a farlo benissimo ogni volta!

NEIMAN MARCUS, New York
Nancy Horvat, Buyer Children Division

Una fiera dall'atmosfera divertente, ben frequentata, che ospita moltissime nuove collezioni. Per questa stagione eravamo focalizzati sul segmento baby, sul luxury, alla ricerca di collezioni europee che non sono vendute negli Usa, brand italiani. La sezione Apartment è utilissima per avere ispirazione e capire con anticipo le tendenze. Abbiamo trovato brand interessanti anche a KidzFIZZ, mentre il Padiglione Centrale è importante perché ospita le collezioni dei grandi brand con cui collaboriamo ed è interessante vedere l’immagine che hanno qui. Un aspetto che mi piace moltissimo è quello di poter parlare con le persone, conoscere faccia a faccia chi dà vita all'azienda. Interessanti le novità proposte al piano inferiore, dedicate al mondo del living e lifestyle: un tema sicuramente da sviluppare e ingrandire ancora!

SMALLABLE, Parigi:
Maryse Brelet, Head of Fashion Buying

Buona energia, la fiera è piena di visitatori e compratori! Con il team di Smallable partecipiamo a Pitti Bimbo da moltissime edizioni, e in questa in particolare cercavamo nuovi designer, piccoli brand di ricerca come linee scandinave, nord europee; le nostre aspettative sono state ampiamente soddisfatte. Tra le sezioni che mi sono piaciute di più, Apartment e KidzFIZZ. Ottimo servizio e organizzazione.

TSUM and Luxury Village, Russia
Jane Bugreeva, Head Buyer of Childrenswear Department

Partecipo a Pitti Bimbo da nove anni. Mi piace venire perché qui incontro personalmente le aziende con cui lavoro e ho rapporti da molto tempo: per me la fiera non è un viaggio di lavoro, ma un incontro con amici! Penso a molte aziende di cui acquistiamo le collezioni per i nostri department stores. Qui ho l’opportunità di incontrare i proprietari e i designer, di confrontarmi con loro e questo aspetto è fondamentale. Per me la sezione più bella è il Padiglione Centrale, che ospita le collezioni di tutti i più grandi brand del mercato internazionale. Il mondo del childrenswear non è fatto solo di abiti ma di tutto l’ambiente che lo circonda, per questo ho apprezzato molto le nuove sezioni dedicate al lifestyle come Fancy Room e i Pitti Editorials.

SHIPS, Tokyo
Mayumi Amamoto, Assistant Manager Merchandising 3rd dept

L'atmosfera di Pitti Bimbo cambia a ogni edizione, e questo è un aspetto importante perché crea un ambiente dinamico e un'atmosfera piena di energia! La sezione KidzFIZZ mi è piaciuta molto perché ospita le collezioni di tanti nuovi brand di ricerca interessanti. La fiera non si occupa solo di abbigliamento e accessori ma sta esplorando anche il mondo del lifestyle e questo ha un effetto importante per il suo business. Complementi d'arredo, giocattoli, tutto quello che fa parte del mondo del childrenswear è molto richiesto sul mercato e Pitti Bimbo l'ha capito. In Giappone non abbiamo le sfilate dedicate ai più piccoli, per questo quando vengo in fiera le seguo sempre: sono una fonte incredibile di ispirazione!