PE20SS

Il nuovo tema dello SPAZIO RICERCA guarda allo sport, al Far East e alle subculture

Salone M - Fortezza da Basso

Al Salone M, lo Spazio Ricerca è il laboratorio di creatività del salone e l’osservatorio sperimentale dove vengono lanciati i trend del futuro. L’estate del 2020 parla di sport, di Far East e di subculture: dalle attese Olimpiadi in Giappone deriva un forte impulso alla cultura visiva. Tra sport nazionali e “nuovi” sport - provenienti dalla strada e dalle sottoculture giovanili - come il surf e lo skate, per la prima volta inclusi tra le discipline olimpiche ufficiali. Sullo sfondo, il Giappone e la sua cultura millenaria, in bilico tra tradizione e innovazione, tra commistioni culturali e sovrapposizioni di stili. Il focus è sull’inclusione e sul mondo dei giovani, sulla nuova sensibilità che si racconta attraverso codici stilistici ibridi. Un progetto espositivo e di sperimentazione unico nel suo genere, con la direzione artistica del fashion designer Angelo Figus e dell’esperta in maglieria Nicola Miller, e l’allestimento di Alessandro Moradei.

 

Lo SPAZIO RICERCA tematizza due progetti speciali ideati per Pitti Filati
Sono legati creativamente ai temi dello Spazio Ricerca due progetti concepiti in esclusiva per Pitti Filati dal fashion designer Angelo Figus:
 
_Techno-Luxury, spazio all’accostamento di materiali nobili e tecnici
Ormai sdoganato l'accostamento di tecno materiali e lane pregiate nella moda, la sperimentazione nel settore filati punta oggi all’unione all’interno dello stesso capo di fibre anche molto nobili come cachemire e poliammide. Pitti Filati esprime questo trend attraverso un’installazione-evento emozionale e una nuova visione di prodotto, che rende protagonista un’eccellenza italiana del jersey tecnico, il gruppo Carvico e Jersey Lomellina, già partner di prestigiose aziende dello sport e del fashion. Un progetto e un invito a collaborare rivolto alle migliori realtà produttive di materiali tecnici, a cura di Angelo Figus con il layout di Alessandro Moradei.
 
_ CustomEASY, una knitwear capsule frutto di una vera integrazione di filiera
L’esplorazione dello Spazio Ricerca si estende ad un progetto che enfatizza le sinergie tra i diversi player di Pitti Filati. Inizialmente appannaggio di denim e streetwear, i trattamenti di customizzazione sono oggi molto diffusi anche nel segmento luxury. In CustomEasy, i filati di punta degli espositori del salone verranno trasformati in maglie dai maglifici di Knitclub e trattati da INTEX, azienda leader nel settore delle tinture e trattamenti. Punto di arrivo, una speciale collezione di maglie uniche, frutto di un’autentica integrazione di filiera, che apre le possibilità a infinite interpretazioni dello stesso filo. Un progetto a cura di Angelo Figus, Nicola Miller, Maurizio Brocchetto, con il set-design di Alessandro Moradei.