Pitti Filati 80: che cosa pensano gli espositori?

Paola Rossi, Marketing Manager Zegna Baruffa Lane Borgosesia:
L'edizione è andata bene, abbiamo registrato  i numeri dell'anno scorso e abbiamo riscontrato una clientela soprattutto americana e giapponese, oltre che europea. Lavoriamo molto su appuntamento. Da quest'anno i tre brand Zegna Baruffa, Chiavazza e Botto Poala sono riuniti in un'unica azienda: con le tre diverse linee di prodotto riusciamo a coprire tutto il range di mercato, partendo sempre da un livello medio/alto. Zegna Baruffa è l'unica filatura in Italia a ciclo completo, produciamo tutto qui e rappresentiamo un esempio di italianità nel settore manufatturiero.
 
Federico Gualtieri, Vice Presidente Filpucci:
Pitti Filati resta sempre la fiera più importante per il mondo della maglieria. Questa edizione è andata bene, tutti i nostri clienti importanti sono venuti a trovarci, sono soddisfatto.
 
Alessandro Bastagli, Presidente Lineapiù:
La fiera è andata molto bene: avevamo dieci postazioni aperte nel nostro stand per presentare il campionario e non ci siamo mai fermati. Le collezioni danno soddisfazione, interessanti le scelte che vengono fatte in fiera. Stessa affluenza dell'anno scorso, davvero un buon risultato.
 
Simone Parlamento, Responsabile Commerciale Di. Vè Biella:
L'edizione è andata bene. L'affluenza registrata è più o meno uguale a quella dello scorso anno ma ho notato una clientela più selezionata, interessata, concreta. Molti compratori americani e russi. Sono soddisfatto.
 
Stefano Borsini, Chief Executive Officer Igea, Prato:
L'edizione che ospita la collezione estiva è più tranquilla rispetto a quella invernale, ma abbiamo registrato una buona affluenza. I clienti sono molto interessati e mi hanno parlato molto bene dello Spazio Ricerca che ahimè non sono riuscito a visitare per mancanza di tempo, ma so che il progetto funziona. Lavoriamo in tutta Europa, Stati Uniti, Cina, Giappone, Corea del Sud e abbiamo incontrato buyer provenienti da tutti questi paesi, insieme ai titolari e ai designer dei più grandi brand italiani. Organizzazione ottima... Sono sempre stato un fan di Pitti!
 
Francesco Lucchesi, Direttore Generale Industria Italiana Filati, Prato:
Le mie impressioni? C'è stato un bel movimento. I compratori italiani hanno mantenuto la loro presenza e quelli esteri sono cresciuti. Quello che sta cambiando è la qualità dei clienti: sta diventando migliore, ci sono più professionisti veramente interessati. Il progetto di incoming portato avanti da Pitti Immagine è davvero importante e dà molti risultati.
 
Stefano Salvaneschi, Presidente Iafil Industria Ambrosiana Filati, Milano:
Un'edizione soddisfacente, perfettamente in linea con i risultati registrati negli scorsi anni. Abbiamo avuto visitatori sia italiani che internazionali, provenienti da tutta Europa, Stati Uniti e una maggiore affluenza di giapponesi. Pitti Filati è una straordinaria vetrina e un ottimo strumento di promozione: solo durante i tre giorni della manifestazione abbiamo fatto 400 presentazioni del campionario. La clientela è selezionata e interessata.
 
Tomaso Tomaselli, Responsabile Commerciale Spoerry 1866, Flums, Svizzera:
È la nostra prima edizione di Pitti Filati. Abbiamo deciso di partecipare per entrare con maggiore visibilità nel mercato della maglieria rettilinea e dei filati tinti, nuovo progetto di questa azienda storica. Pitti Filati è la vetrina più importante del mondo per il settore della maglieria, l'abbiamo seguita indirettamente per anni e questa volta abbiamo deciso di partecipare con il nostro stand. Una prova che ci ha dato grandi risultati e che ripeteremo il prossimo anno con uno spazio più grande!
 
Francesco Magri, Country Manager Italia e Spagna, The Woolmark Company:
In questa edizione di Pitti Filati abbiamo riscontrato una maggiore affluenza. Inoltre abbiamo registrato un aumento nel flusso di persone nello stand, risultato decisamente positivo considerando che protagoniste erano le collezioni Primavera/Estate di lana che solitamente raccolgono un interesse minore rispetto alle collezioni invernali. Pitti Filati è un appuntamento da non perdere per tutti gli addetti del settore moda ed è, inoltre, la prima fiera che presenta le tendenze delle nuove stagioni. L’organizzazione della fiera è impeccabile, decisamente funzionale e di supporto.
 
Nobuyuki Sasamoto, Presidente Shima Seiki Italia, Milano:
Per noi Pitti Filati è la fiera più importante dell'anno! Producendo macchinari tessili, qui abbiamo l'occasione di conoscere le filature, creare dei campioni e avere un feedback immediato. E' importante anche il tipo di clientela, sempre molto focalizzata: la maggior parte è italiana ma abbiamo riscontrato successo anche nel mercato francese, inglese, americano e cinese. All'interno del nostro stand ospitiamo le collezioni di due maglifici realizzate con i nostri macchinari e sono piaciute molto. Anche la sezione Knitclub è molto importante, si è creata una bella connessione con le aziende che vi partecipano. Pitti Filati offre una proposta completa che spazia dal filato ai suoi possibili trattamenti fino al lavaggio.
 
Elena Conti, Direttore Commerciale Bramante - Supermaglia, Arezzo:
E' la seconda volta che partecipiamo a Pitti Filati e per essere l'edizione che presenta i filati estivi è andata molto bene! Abbiamo riscontrato una grande affluenza di clienti russi e spagnoli, oltre a quelli del mercato inglese e tedesco con cui collaboriamo abitualmente. Molto bello lo Spazio Ricerca, sempre un'ottima fonte di ispirazione!
 
Tiziano Boscarini, Maglieria Gemma, Milano:
La nostra è una realtà storica, lavoriamo con i grandi brand e con il mercato giapponese da oltre 30 anni. Recentemente l'azienda ha subito un'evoluzione e abbiamo deciso di dare ancora più visibilità alla maglieria: per questo abbiamo deciso di partecipare a Pitti Filati. La fiera è un'ottima occasione di incontro con aziende e addetti del settore provenienti da tutto il mondo.
 
Mariangela Bortoli, Ufficio Commerciale Ugolini:

Perché siamo a Pitti Filati? Ci piace sperimentare e... Ci siamo lanciati! E' stata una prova  ed è andata molto bene, sopra le nostre aspettative.  Anche se produciamo macchinari per la tintoria tessile, tanti nostri clienti espongono in fiera ed è importante incontrarli qui. Ci rivolgiamo prevalentemente al mercato indiano, asiatico e al Sud America ma abbiamo stretto rapporti anche con clienti provenienti da Turchia e Balcani. Nuovi sbocchi insomma... Siamo molto contenti!