INTERVISTE BUYER PITTI FILATI 84

Maria Elena Esguerra, Assistant Manager Youngone Namdinh, Vietnam:
Pitti Filati è più importante, più innovativa e più stimolante rispetto a tutte le altre fiere di settore. Per i designer che partecipano con in mente un progetto o una visione, qui è facile trovare le ispirazioni e il supporto necessari per concretizzarli. Mi è piaciuto moltissimo lo Spazio Ricerca: la nostra azienda lavora molto con lo sportswear, il tema era perfettamente in linea con le nostre necessità. Lavoro spesso con i giovani e ho davvero apprezzato la sfilata degli studenti del Master in CKD di Accademia Costume & Moda e Modateca Deanna, davvero una bella opportunità. L’organizzazione della fiera è perfetta, è stata una bellissima esperienza!

Ena Topalovic, Senior Technical Designer The Row, New York:

Pitti Filati è un’occasione unica per vedere tutte le migliori aziende del settore maglieria in un tempo minimo di due giorni! La fiera è molto concentrata. Cercavo delle novità per la stagione primavera/estate da proporre insieme ai nostri filati classici e le mie aspettative sono state più che soddisfatte. Organizzazione perfetta, il percorso della fiera è molto leggibile.

Alfred Zhao, R&D and Sourcing Center of Fabrics & Accessories Director K-Boxing, Shanghai:

E’ la mia prima volta a Pitti Filati. Organizzazione perfetta, il percorso è semplice da visitare e permette in modo rapido di cogliere i principali trend della prossima stagione. Ho apprezzato molto che i maglifici in fiera, oltre ad illustrare le proprie collezioni, tutte di altissima qualità, ci tenessero a spiegare come mantenere i filati e a mostrare le varie declinazioni sul prodotto finito. Ho trovato diverse aziende che realizzano dei filati handmade davvero incredibili! Indubbiamente i maglifici italiani si contraddistinguono da sempre per qualità e innovazione.

Barbara Bucino, Ricerca Filati Miu Miu, Milano:
Un’edizione molto positiva! Ho visto una buona affluenza e novità interessanti come la sezione Techno-Luxury, dedicata all’accostamento di materiali nobili e tecnici. La nostra collezione maglieria è molto estesa e spazia dal cachemire alla lycra: non cercavamo qualcosa in particolare ma ero interessata alle innovazioni proposte. Pitti Filati si conferma la fiera numero uno del settore: qui ci sono tutte le filature più importanti con cui lavoriamo, principalmente italiane. L’organizzazione è perfetta e lo spazio del Pitti Club riservato ai buyer è un valore aggiunto.

Juan Francisco Canton, stilista maglieria uomo, Hermès:

Partecipo a Pitti Filati da sei anni e non mi perdo un’edizione, per me è la fiera di riferimento. Le filature italiane sono tra le più importanti del mondo, sinonimo di qualità e di garanzia a lungo termine. Mi sono piaciute molto le sezioni Knitclub e Fashion at Work: è importante che i maglifici possano esporre il proprio lavoro, in modo che il visitatore possa conoscere appieno il saper fare italiano. Molto bella la proposta di Techno-Luxury: l’accostamento di filati nobili e tecnici rappresenta davvero una novità. La comunicazione della fiera è sempre molto chiara e la sua organizzazione più che efficiente.