INFO

Il tema della palla viene raccontato attraverso una lettura inedita, la palla a mano. Per giocare bastano un muro e uno spazio libero. Dalla strada a nuovo mercato, diverso da quelli del calcio e del basket, complementare e talvolta anche sovrapponibile.

Lo skateboard è il medium sub-culturale per eccellenza. Troverà nelle prossime Olimpiadi riconoscimento e podio. La strada è ancora una volta lo scenario ibrido e inclusivo che fa da sfondo a una moda libera e ribelle come quella degli skaters.

Un’inedita visione del surf ispira questo tema, il surf in città. Se l’acqua è spesso troppo lontana da raggiungere, s’inventano in città modalità di divertimento su tavola alternative al mare o all’oceano. A Monaco il caso più interessante: è il fiume Eisbach a richiamare surfisti da tutto il mondo.

La strada è da sempre anche lo scenario più democratico per misurarsi con la propria forza e con quella dei propri avversari. Gli sport fisici, forti, nati per strada, ispirano un tema che si nutre di suggestioni provenienti da ambienti poveri, ma dal risultato ricco a livello materiale.

È il tema del sollevamento ed elevazione di sé stessi oltre i propri limiti. Le specialità olimpioniche da strada sono il Calisthenics, il Cross Fit, il Paleo Workout. Nuove routine che ispirano atmosfere e immagine di questo gruppo. Il volto dello sport non è mai stato così umano e ordinario.

Tra tutte le discipline olimpioniche, una in particolar modo cattura attenzione per il virtuosismo tecnico e visivo che trasuda. La ginnastica ritmica artistica ispira un tema di eleganza e vistosità forzata, quasi posticcia e al limite del kitsch.