INFO

ADMIR BATLAK (Norvegia)

il designer norvegese di origine bosniaca Admir Batlak dà vita al brand che porta il suo nome dopo la laurea all’Istituto Marangoni di Milano e una collaborazione con Dolce & Gabbana. Esplorando i classici codici dell’abbigliamento femminile, costruzioni innovative incontrano la ricerca materica, con richiami al mondo dell’arte, alle sub-culture giovanili e della storia del costume e attraverso collaborazioni con diversi artisti.

BOYAROVSKAYA (Francia / Russia)

è basato a Parigi il womenswear brand fondato da Maria Boyarovskaya - alle spalle esperienze da Givenchy e da John Galliano - e Artem Kononenko. Un universo concettuale, interprete di una moderna eleganza che enfatizza le forme di un tailoring destrutturato su capispalla unici nel loro genere.

EDDA (Norvegia / UK)

dopo il diploma al London College of Fashion, Edda Gimnes fonda l’omonimo brand, ottenendo presto l’attenzione internazionale. È tra i vincitori del Ones To Watch award per l’A/I 2016 ed è nominata dal New York Times tra i giovani designer da tenere sotto osservazione. Affascinata dai colori e dalle texture, nelle sue creazioni combina arte e moda attraverso elementi inaspettati, come inserti in pelliccia e dettagli cromatici dal mood ironico.

ETIQUETA LATINA (USA / Ecuador)

l’autentico cappello ecuadoregno “toquilla” incontra l’eleganza del design italiano nel brand Etiqueta Latina. Il materiale è ricercato tra i migliori produttori in Toscana e selezionato dal lavoro artigianale siciliano. La variazione delle forme classiche incontra l’eclettismo e lo stile contemporaneo su cappelli luxury dalla forte personalità.

FAISSAL EL-MALAK ( Emirati Arabi)

una collezione, quella firmata dal designer palestinese, soffusa di nostalgia e di appartenenza al mondo arabo. Colori caldi si accostano a jacquard lavorati artigianalmente in Egitto e a scelte tessili sofisticate che per questa stagione includono il moiré.

IURI (Italia)

Iuri nasce dalla creatività del designer di origine slovena Jure Stropnik. Dopo il lancio di una linea di calze, per la S/S 2018 Jure dà vita a una collezione di pelletteria che riflette la sua sensibilità estetica. Le borse, con il loro disegno geometrico e la struttura rigida, sono alleggerite da materiali e lavorazioni come il jacquard. Fil rouge di ogni modello è il triangolo, utilizzato sia come fibbia sia come profilo delle borse.

MASHA REVA (Ucraina)

artista e designer ucraina, diplomata alla Central Saint Martins, nel suo brand Masha Reva combina la visione estetica all’illustrazione e alla fotografia, attraverso differenti collaborazioni, come il progetto di abbigliamento Masha Reva x Syndicate, “Drawings on People” Series: una collezione che esplora differenti elementi grafici e forme, concependo l’abito come tela da dipingere. Ancora, la collaborazione con il jewelry brand Ellipsee per una capsule che declina le illustrazioni di Reva.

MOON LEE (Corea del Sud )

l’abito diventa artwear, personale canovaccio per esprimere le proprie emozioni, tra virtuosismo nella realizzazione di pattern ed heritage tradizionale che evoca la terra di origine della designer, la Corea.

NATHALIE BALLOUT (Regno Unito)

la moda incontra la sostenibilità nel brand slow fashion della designer libano-svedese Nathalie Ballout, cresciuta a Dubai con studi al London College of Fashion. Ogni capo è costruito nel suo atelier londinese e caratterizzato da ricami hand made. Materiali inusuali si fondono a tecniche sartoriali e di ricamo tradizionali per un mix dallo stile iper contemporaneo.

WALI MOHAMMED BARRECH (Belgio)

nato in Pakistan, Barrech si trasferisce in Germania a 14 anni. Dopo la laurea alla Royal Academy di Anversa, dà vita al suo brand nel 2013. Recentemente si è focalizzato sugli accessori. Unione eclettica di culture e ricordi da tutto il mondo, le sue borse trascendono l'effetto scultoreo per declinarsi secondo la vita di tutti i giorni.