Il connubio anarchico
tra pizza e cucina

Pizzeria Santarpia

Che cosa hanno in comune lo chef stellato Cristiano Tomei e il maestro pizzaiolo Michele Leo? Di sicuro la voglia di stupire e sperimentare. Dal loro incontro è nata una collaborazione molto originale per FuoriDiTaste, che non a caso si intitola Cena anarchica.
Tomei, con il suo Imbuto a Lucca, si è affermato sulla scena gastronomica italiana come uno dei migliori esponenti della cucina creativa contemporanea. Leo, maestro indiscusso della pizza napoletana, è la nuova anima del Santarpia, locale di nuova concezione, sorto dove un tempo giravano le rotative del quotidiano La Nazione.
Due personalità e due mondi completamente diversi. Ma come si sa, i poli opposti si attraggono.
«Ideare questa cena mi ha permesso di conoscere e approfondire le tecniche di un grande chef, e di poterle applicare nel mio mondo andando a stuzzicare il palato dei clienti» anticipa Michele Leo.
Il menu della serata rappresenta infatti la fusione tra la tradizione della pizza e la modernità della cucina innovativa.
Ma i piatti rimarranno fino all'ultimo un segreto, che verrà svelato solo ai partecipanti.

«Durante questo evento, può succedere di tutto» annuncia Cristiano Tomei. «Il cambiamento è alla base di tutte le mie scelte».

 

ph. Andrea Hardkore Pacini