Polimoda fashion Week

Appuntamento per martedì 18 giugno, quando la Polimoda Fashion Week inaugura con il Fashion Show 2013, l’evento che vede protagonisti gli studenti diplomandi del quarto anno in Fashion Design e del terzo anno in Fashion Technology. Cinque le differenti sessioni nel corso della giornata, per una maratona della moda in cui sfileranno oltre 800 outfit. Polimoda partecipa al progetto Linen Yarn organizzato da Gruppo Marzotto e Pitti Immagine e per questa speciale installazione presenta una serie di capi dal tema Etnico Sartoriale, sia per uomo sia per donna, in cui le tele di lino saranno reinterpretate con segni grafici e lavorazioni artistiche di forte impatto visivo. I migliori studenti della scuola saranno inoltre i protagonisti di una nuova piattaforma web, POLIMODATALENT, ulteriore strumento per far conoscere il proprio profilo professionale: il sito è una vetrina virtuale attraverso la quale le aziende potranno entrare in contatto con i diplomati Polimoda. Ma non finisce qui: inaugura sabato 8 giugno la Biennale di Arnhem, curata dalla trend hunter Lidewij Edelkoort, che ha selezionato come tema di questa quinta edizione Il feticismo nella moda. Polimoda sarà protagonista di questo evento, che esplora i nuovi confini della moda e le interferenze con le altre discipline tramite installazioni, performance, mostre, film e workshop. Una nuova installazione site specific Momenting the Memento, curata dalla direttrice dell’Istituto, Linda Loppa, e formata da una struttura a croce, dove saranno in mostra una serie di fotografie realizzate da Ruggero Lupo Mengoni, che visualizzano la relazione tra abito, architettura e città. E ancora una serie di slogan, giochi di parole e manifesti ideati da Danilo Venturi, autore del libro Luxury Hackers, che ha sviluppato il tema Connecting Fashion, Education and the City. Uno “statement” costruito con parole e immagini che vuole stimolare un dialogo su come sta cambiando la moda, il legame con le città e di conseguenza l’istruzione: un tema che sarà sviluppato in vista della conferenza IFFTI (International Foundation of Fashion Technology Institutes) che si terrà a Firenze nel 2015, proprio nella sede Polimoda di Villa Favard. Infine, la scuola presenta una selezione di nove video interviste curate da Filep Motwary a creativi, giornalisti, designer e opinion leader come Humberto Leon (designer maison Kenzo), Antonio Mancinelli (Marie Claire), Etienne Russo (Art Director & Fashion Show Producer), Eugene Rabkin (giornalista e fondatore di StyleZeitgeist) e Scott Schuman  (The Sartorialist), che saranno visualizzate su monitor all’ingresso di Villa Favard.