A Pitti Uomo 92 continua la collaborazione tra Pitti Immagine e Opificio delle Pietre Dure

A Pitti Uomo 92 continua la collaborazione tra Pitti Immagine e Opificio delle Pietre Dure: una sinergia tra due eccellenze toscane che lavorano su temi affini della bellezza e dell’arte. Un progetto già avviato alle precedenti edizioni del salone che vede coinvolte le due istituzioni nel promuovere le proprie attività e le proprie mission, entrambe orientate - ognuna con una sua specificità - alla valorizzazione del patrimonio culturale della città e del territorio.  

L’Opificio delle Pietre Dure nasconde sotto un nome antico una modernissima realtà nel campo della conservazione e del restauro del patrimonio artistico: una vera e propria “officina del restauro”, una delle più antiche e prestigiose istituzioni europee, oggi Istituto centrale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e punto di riferimento indiscusso per la ricerca scientifica applicata alla conservazione e al restauro. 

Dal 24 maggio al 24 settembre 2017, il Museo dell’Opificio delle Pietre Dure ospiterà un’opera straordinaria e poco conosciuta, restituita al pubblico dopo un delicato intervento di restauro: il reliquiario mediceo in vetro a lume conservato presso il Tesoro dei Granduchi a Palazzo Pitti. Un oggetto raro e affascinante, costituito da un’ampia gamma di materiali e rara raffinatezza. 

E inoltre, l’Opificio delle Pietre Dure partecipa attivamente a un progetto di formazione internazionale denominato ITP (International Training Projects) coordinato dalla Direzione Generale Educazione Ricerca del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo, con lo scopo di promuovere gli Istituti di eccellenza del MiBACT attraverso l’erogazione di percorsi formativi rivolti a studenti e professionisti provenienti da paesi terzi. I programmi proposti dall’Opificio delle Pietre Dure prevedono l’approfondimento di tematiche relative alla conservazione e al restauro dei beni culturali con attività didattiche svolte da docenti interni all’Istituto e da esperti esterni di elevata qualificazione. Il progetto, diretto dalla Scuola di Alta Formazione e di Studio, permette a studenti e restauratori di tutto il mondo di partecipare a stage e tirocini presso i laboratori di restauro dell’OPD, sostenendo lo sviluppo di competenze e professionalità coerenti con i fabbisogni espressi dal mercato del lavoro e in linea con gli standard internazionali.