Following William Stautberg

Chi conosce le collezioni di Thom Browne vede chiaramente in William Stautberg un grande interprete della rivisitazione del completo maschile, iniziata dal maestro nei primi anni 2000. William è da poco sotto i riflettori proprio perché ha vinto la prima edizione del Pitti Tutorship Reward in collaborazione con la Parsons School of Design di New York.

William è nato in Georgia, ha trascorso un anno e mezzo lavorando con il Men's Design Team di Thom  Browne, un’esperienza che ha certamente lasciato in lui il segno. Guardando la sua collezione Spring-Summer con la quale si è aggiudicato il Pitti Tutorship Reward, possiamo riconoscere nel suo talento la voglia di rivedere completamente il look maschile, come nei suoi All-In-One Jumpsuits, entrando a pieno titolo in una dimensione Athleisure. Come ha puntualmente commentato Riccardo Vannetti, Pitti Tutorship Director, nel suo discorso di conferimento del premio: "Per l'originalità della sua collezione, per la visione incisiva di un abbigliamento maschile innovativo e per l’unicità degli elementi che accostano i capi sartoriali a quelli “athleisure” abbiamo scelto il giovane talento William Stautberg” 

L’abito maschile decostruito, ridisegnato nel pezzo intero interpreta a pieno il bisogno di movimento del trend nascente. Si notano le palette dei bordeaux e dei beige sulle cuciture a bande larghe, grande eredità della vita sportiva nei college americani.
 

Who is William Stautberg?
 
William Stautberg è nato nella Forsyth County Georgia laureato in Fashion Design alla Parsons School di NY. William ha trascorso un anno e mezzo lavorando con il Men's Design Team di Thom Browne e un anno lavorando con Leather Accessory Designer Zana Bayne, oltre a lavori freelance in Fashion Show / Event Production. Queste esperienze rimangono fondamentali e si traducono nelle ispirazioni della sua collezione: tute all-in-one, cultura Ivy League. Il lavoro di William è un mix di sartoria e maglieria completamente rivisitata con accessori in pelle che rappresentano una nuova interpretazione del classico Sartorial Menswear. A William piace trarre ispirazione visiva da fotografi come Luke Smalley e Lilian Bassman e ama studiare la pop culture e l'influenza di artisti come Madonna, Freddy Mercury e Donna Summer. William ha dichiarato di volersi concentrare sempre di più sulla produzione di maglieria, entrando nel fashion con entusiasmo e voglia di apprender le tecnicità e le possibilità del settore.