PITTI BIMBO 90: INTERVISTE AGLI ESPOSITORI

APARTMENT
Lieven Borgs, amministratore delegato Bo(y)smans:
È la nostra prima volta a Pitti Bimbo ed è andata davvero bene. Mi piace molto la nostra posizione all’interno di Apartment. Abbiamo partecipato ad altre fiere del settore a Parigi, ma la differenza è notevole: qui i brand sono raggruppati per tipologia e stile e la qualità dei compratori è molto più alta. Abbiamo incontrato buyer sia italiani che internazionali, provenienti da Europa, America e Corea del Sud. Torneremo sicuramente.
 
PITTI BIMBO
Claudia Collini, direttore generale CFW Italia per Billieblush, Boss, Charabia, Dkny, The Marc Jacobs:
Partecipiamo a Pitti Bimbo con cinque diversi brand, uno dei quali lanciato proprio a questa edizione. Crediamo molto nella qualità della fiera e abbiamo lavorato bene, registrando una buona affluenza di compratori soprattutto italiani.
 
Lucia Sibué, Sales Manager Bonton:
A Pitti Bimbo partecipano i buyer di tutti i più importanti department stores del mondo: se vuoi raggiungerli, devi partecipare alla fiera. Sono molto soddisfatta di questa edizione, sia in termini di quantità che di qualità di compratori incontrati.
 
FANCY ROOM
Elena Milan, Export Sales Executive Jellycat:
Sono davvero soddisfatta di questa edizione. Il primo giorno, in modo particolare, abbiamo lavorato non-stop, incontrando una grande quantità di buyer internazionali. Il livello dei compratori è davvero altissimo. Partecipiamo a diverse fiere per diversificare il più possibile il nostro target, e Pitti Bimbo ci ha dato l’opportunità di confrontarci con molti settori e mercati diversi. Mi sembra che questa sezione dedicata al mondo degli accessori, Fancy Room, sia stata ampliata e sono contenta perché i giocattoli fanno sempre più parte di molti concept store della moda bimbo.
 
SPORT GENERATION
Salina Ferretti, direttore generale Falc con i marchi Flower Mountain for Naturino, Naturino, Voile Blanche e W6YZ:
Un’edizione che ha superato le aspettative. E in cui cresce la qualità dei compratori: i negozi più belli sono presenti a Pitti Bimbo, sia italiani che esteri. Partecipiamo alla fiera con diversi brand, segno che per noi la manifestazione rappresenta un investimento importante: è qui che riceviamo i primi feedback sulle collezioni. Partecipiamo anche a Pitti Uomo con tre brand, quindi posso dire che crediamo molto nel brand Pitti Immagine. Utili anche i servizi digitali come app e newsletter.
 
KIDZFIZZ
Christina Rohde, proprietaria Christine Rohde:
È la prima volta che partecipo a Pitti Bimbo e ammetto di essere stata preoccupata perché non sapevo bene cosa aspettarmi. Invece è stato tutto semplicissimo: il servizio di assistenza fornito dalla fiera è davvero grandioso. Ho incontrato moltissimi buyer di realtà importanti e credo che per un brand del childrenswear partecipare sia fondamentale: è un’opportunità di visibilità davvero unica. E poi l’atmosfera è davvero piacevole, molto friendly, un po’ come un festival… È la prima volta che sento che l’industria del childrenswear viene presa seriamente. I visitatori sono davvero degli addetti del settore, preparati e questo è un aspetto che spesso manca nelle altre fiere. I brand e la manifestazione stessa rendono questo appuntamento interessante per i clienti: appena entri capisci il grande sforzo fatto per rendere la sua atmosfera così incredibile, dai colori al design all’energia è tutto davvero stimolante. Sono davvero felice di aver partecipato.
 
Sofie van Vugt, direttore commerciale Designers Remix Girls:
Perché partecipo a Pitti Bimbo? Sono la responsabile del brand a livello internazionale e ho bisogno di essere qui per incontrare i miei clienti. Sono molto soddisfatta di questa edizione: la sua atmosfera era davvero positiva e ho incontrato un buon mix di compratori italiani ed esteri.
 
ECOETHIC
Akin Onal, amministratore delegato Mori:
Pitti Bimbo è la fiera numero uno del mondo del childrenswear. Le presentazioni sono ottime, non paragonabili a quelle delle altre fiere del settore, e la proposta dei buyer presenti in fiera di altissimo livello. Sono contento che ci sia una vera e propria sezione dedicata al mondo eco-sostenibile: se negli scorsi anni i compratori erano solo interessati o incuriositi, oggi sono preparatissimi sull’argomento e sempre più esigenti. Segno che ormai l’eco-sostenibilità non è più un trend di passaggio ma una vera e propria realtà.
 
Paola Alluvione, co-proprietaria Filobio
Veramente un bel passaggio. Solo il primo giorno abbiamo avuto una ventina di buyer esteri nel nostro stand. Tutto il piano di The Kid’s Lab! mi è sembrato ben frequentato, c’è stata una presa di coscienza rispetto alla scorsa edizione e tutto mi è sembrato funzionare bene. Un aspetto che mi piace molto di Pitti Bimbo è la grande qualità dei suoi visitatori: non ho mai avuto la sensazione di perdere tempo, tutti i compratori con cui ho parlato erano veramente interessati al prodotto e molto preparati. Inoltre è evidente come in ogni edizione la fiera si impegni nel creare dei contenuti alternativi che siano stimolanti e innovativi: basta pensare alla sfilata di KidzFIZZ che ha portato un bel movimento all’interno di The Kid’s Lab! Molto utili anche gli strumenti digitali della fiera come l’App e e-pitti.
 
THE NEST
Monika Ligeza, amministratore delegato mimOOKids:
Pitti Bimbo è un’occasione importantissima per essere accanto ai grandi brand del childrenswear e parlare con importanti player del settore come la stampa. In nessuna altra fiera del settore ho preso così tanti contatti con riviste di tutto il mondo! La fiera vanta inoltre un’ottima organizzazione e comunicazione.
 
KID’S EVOLUTION
Eva Aimone, designer e proprietaria Leontine Vintage:

È la mia terza edizione a Kid’s Evolution e l’atmosfera è sempre meravigliosa, super creativa e ricca di colori ed energia. Ogni edizione è migliore dell’altra, mi sembra che ci sia un sacco di gente. Sono molto felice anche dell’allestimento, che è molto più funzionale per i miei accessori. La selezione di brand anche al Top Floor è ottima e vengono tanti giornalisti, perché sanno che la ricerca è qua. Tra le novità al nostro stand, anche la visita di un buyer di Shanghai.