#PITTIFRIENDS #LITTLECHATS – KATIE KENDRICK DI PIROUETTE

Con la sua altezza e i suoi riccioli inconfondibili, Katie Kendrick è la consulente di moda per bambini ed editor del blog Pirouette ad aver lanciato il premio Pirouette One to Watch, che ogni stagione premia i brand e le collezioni da tenere d'occhio. 

Katie vive in una baia per surfisti negli Scottish Borders con suo marito Richard, le due figlie Lulu (11) e Hattie (8), e Peggy, un cucciolo di 8 mesi. Dopo essersi ripresa dal Covid-19 lo scorso marzo, ci racconta un po’ delle sue serie preferite, delle risate che si fa con le figlie e di quello che lei chiama "Scottish Sunbathing”, ovvero la tintarella alla scozzese.

Continui a lavorare? Come sono cambiate le cose?

A marzo mi sono ammalata di Covid1, mi sono svegliata nel cuore della notte che faticavo a respirare. Per le due settimane seguenti, respiravo con difficoltà ma alla fine questo sintomo spaventoso è diminuito. La mia famiglia è dovuta stare in insolamento, è stato un momento difficile. I nostri parenti e i nostri amici ci hanno aiutato portandoci da mangiare, e a distanza di 5 settimane sto molto meglio, ma sono ancora stanca. Non posso ancora davvero lavorare, passiamo invece il tempo con le bambine. 

Ho in programma di ricominciare la prossima settimana, il nostro settore è sotto pressione, sento il bisogno di parlarne e di sensibilizzare sugli effetti economici, sembra che questo sia l'unico modo in cui possiamo provare a trovare una via d'uscita. Aspettatevi una o due serie su Pirouette ... Devo solo definire in quale forma... la prossima settimana ;-) 

Hai messo a punto qualche routine speciale per le tue figlie?

Volevo solo che fossero felici e non impazzissero in questa situazione. Dopo due settimane di isolamento, abbiamo iniziato tutti a fare una passeggiata giornaliera in spiaggia, trascorrendo del tempo insieme, chiacchierando, giocando, guardando film. Il tempo è bello, le bambine ogni tanto nuotano nel Mare del Nord come delle matte ... ma io no, preferisco guardarle da riva.

Che cosa fate insieme di divertente?

Un giorno continuavamo a scorrere l'alfabeto pensando a una parola che iniziasse con ogni lettera e avesse a che fare con una categoria diversa: animali, paesi del mondo, ecc. Non riuscivamo a smettere di ridere perché Hattie, che ha 8 anni, ogni volta che era il suo turno doveva recitare l'alfabeto dall'inizio alla fine per arrivare alla lettera, e ogni volta il suo alfabeto cambiava leggermente. Era troppo divertente, non lo faceva apposta, ma continuava a succedere. Ridere insieme è una medicina, e in più abbiamo scoperto che deve davvero ripassare l’alfabeto! 

Hai iniziato qualche progetto nuovo o che avevi rimandato?

Ho visto tutto quello che c'è su Netflix - conta? Ho anche il viso molto abbronzato perché sono stata seduta in giardino a godermi il sole con un piumone tirato su fino al collo, ci piace chiamarlo "Scottish Sunbathing” [una tintarella alla scozzese]!

C'è qualcosa di positivo che possiamo trarre da questa situazione?

Penso che ci sia l'opportunità e la volontà di un vero cambiamento verso l’economia e il nostro atteggiamento politico sociale.

Qualche consiglio per tenere lontana l'ansia?

Per gli adulti un Gin & Tonic dopo le 5 e non scaricare troppe app di fitness che sono deprimenti!
Per i bambini (e gli adulti) assicuratevi di non stare sempre attaccati alle notizie, non fa bene all’umore.
In famiglia, abbracciatevi... abbracciatevi tanto. La didattica a distanza va bene, ovviamente, ma parlando seriamente la cosa più importante è che siano felici. Quindi cercate di godervi i momenti e non mettervi troppo sotto pressione.

Qualche libro o programma TV che ti è piaciuto di recente?

Non ho letto un solo libro ma su Netflix .... The Innocent Files - Incredibile. The Innocent Project negli Stati Uniti si sta battendo per liberare gli innocenti che sono in carcere. Unorthodox - affascinante. Sono stata a Williamsburg di recente e offre una piccola finestra sul mondo ortodosso. Oh, e Ozark. Ho visto le tre serie dall'inizio alla fine ... un bel binge watching!

Grazie a Katie Kendrick
Grazie a Maryline Price di Cartable