#PITTIFRIENDS #LITTLECHATS - PEGGY JUCHE DI PAUL & PAULA

 Peggy Juche, berlinese quattro volte mamma che adesso vive a Londra, è la fondatrice della rivista online Paul & Paula, un punto di riferimento internazionale per la moda, il design e il lifestyle per bambini, con un focus su piccoli marchi con grandi storie da raccontare. Qui, ci parla un po’ di questo periodo passato a casa: da come organizza le giornate al suo chic leisurewear.

 
Hai messo a punto una speciale routine, per questo periodo?
Sì, abbiamo creato un piano settimanale insieme ai bambini. In generale, segue l'orario di scuola. Al mattino lavoriamo sui progetti scolastici, facciamo una pausa e anche un po’ di sport o yoga con un video su YouTube. Nel pomeriggio ci dedichiamo di più ai lavoretti manuali, alla lettura o alle lingue. Verso le 15, usciamo per la nostra passeggiata quotidiana all'aria aperta nel parco. Qui cerchiamo anche di giocare a calcio o a badminton, per esempio.
 
Continui a lavorare? Cosa ti piace di più del tuo lavoro?
Un po’ sì, ma tutti i miei progetti ed eventi sono stati cancellati o rinviati. Ho sempre lavorato da casa, quindi non è un grande cambiamento tranne per il fatto che di solito sono sola durante il giorno. Adoro la flessibilità che mi consente anche di concentrarmi sui bambini, che hanno domande ed emozioni di tutti i tipi sulla nuova situazione.
 
Come ti organizzi al momento?
Sono una persona abbastanza organizzata in generale e penso che sia meglio per tutti sapere come sarà la giornata. Soprattutto con 6 persone a casa e nessun posto dove andare. Abbiamo pianificato pranzi e cene, per esempio. Durante la settimana i bambini si vestono, si lavano i denti e fanno colazione prima delle 9. Perché alle 9 iniziamo con "scuola". Anche il tempo davanti allo schermo, gli snack, ecc. sono programmati, e potrebbe sembrare una cosa molto severa, ma funziona e nessuno chiede continuamente un iPad o una mela.
 
Hai qualche consiglio su cosa fare per tenere alto l’umore?
Ginnastica! È vitale e molto importante per una buona salute mentale.
 
C’è qualcosa che tu o i i tuoi bambini preferite indossare, al momento?
Non proprio. Ai bambini piace non dover mettere la divisa e visto che il tempo è molto bello, di solito corrono in pantaloncini e maglietta. Io indosso sicuramente cose abbastanza comode, ma comunque non stiamo in pigiama. Chic leisurewear, direi.
 
C’è qualcosa di positivo che trai da questa situazione?
Il rallentamento forzato, tornare a capire che davvero non c’è bisogno di molto, e vedere come la nostra terra tragga beneficio questa “pausa” è decisamente positivo.
 
Qual è la prima cosa che vorresti fare quando finirà l’isolamento?
Ottima domanda. Ho detto ai bambini che sarebbe bello andare in centro a Londra una volta che ci sarà nuovamente permesso. Godersela quando c’è ancora calma e senza molte persone e turisti. Accogliere questa immagine molto diversa di una metropoli.
 
Hai qualche account Instagram da condividere, utile per tenere i bambini occupati?
@oliverjeffers, adoriamo i suoi libri e sta facendo delle letture ogni giorno!
 
E per te?
L'umorismo aiuta sempre e una risatina al giorno (o due) rende questa situazione irreale più sopportabile, quindi devo dire @fuckologyofficial.