Who Is On Next? Bimbo

IL CONCORSO DEDICATO AI NUOVI TALENTI
DELLA MODA BIMBO

Promosso da Pitti Immagine in collaborazione con Altaroma e Vogue Bambini. Uno o più i vincitori che avranno la possibilità di presentare la propria collezione a una platea internazionale unica al mondo, fatta dalle aziende, dai buyer e dalla stampa internazionale che partecipa al salone. Anche a questa edizione le collezioni dei finalisti – i nomi dei quali verranno annunciati nelle prossime settimane - andranno in scena all’interno di New View, che per l’occasione si presenta in un layout completamente rinnovato.

Giorgia Contu

Torna su

Torino, 1975. L’aspetto creativo della moda l’ha scoperta da poco, prima aveva avuto lunghe esperienze di vendita di abbigliamento per bambini. La prima collezione completa è di questa estate, una collezione chic, ma al tempo stesso adeguata ai piccoli utenti: quindi vengono prediletti abiti comodi, divertenti, adatti a tutti i momenti della giornata. Si va dai capi più british in lana, tweed e tanto scozzese, a quelli più sportivi, dove prevale il velluto, il jersey, la felpa. I materiali sono tutti anallergici e facile da lavare.

 

Stefania Meo

Torna su

Milano, 1970. Dopo una formazione come stilista e illustratrice, lavora in una sartoria teatrale e scopre la modisteria. Inizia a creare proprie piccole collezioni e contemporaneamente collabora con altri stilisti arricchendo la sua esperienza. La sua prima collezione per bambini, So Sweet, è fatta da una piccola serie di pasticcini: cappelli per bimba in velluto di cotone, sgargianti di colori, con inserti in fili di lana e accessori in feltro. Per divertire gli occhi e far sognare il gusto.

Chiara Neri

Torna su

Modena, 1970. La prima attività è quella di modellista, dopo la scuola di taglio e cucito e un paio di anni in sartoria. La prima esperienza come creativa è su una linea di abbigliamento per donna che in due anni si afferma in negozio di alta gamma. Dopo una pausa dovuta agli ultimi due dei quattro figli, decide di dedicarsi all’abbigliamento per bambini. La collezione, creata per bambini dai 2 agli 8 anni, è fatta con cura artigianale e tutti i pezzi sono double, pertanto possono essere girati e indossati sull’interno.

Giorgia Totaro

Torna su

Bergamo, 1982. Inizia a disegnare abbigliamento donna dopo il diploma in design della moda, da un paio d’anni ha iniziato a disegnare anche childrenswear, che ritiene molto divertente e in linea con la morbida vestibilità che predilige anche per la donna. ‘Scopriamo’ è il marchio della collezione, fatta di colori intensi che ricordano la Natura, così come assolutamente naturali sono i materiali scelti, dalla lana alla felpa in cotone. Le linee sono morbide, i volumi ampi e comodi, adatti al gioco dei bimbi.

 
 

Morena Visentin

Torna su

Fossalta di Piave (VE), 1972. Una passione per la moda sbocciata in tenera età, con una madre modellista, e approfondita con una laurea in filosofia estetica e una tesi sulla teoria della moda. Dopo un’esperienza nel negozio della madre, decide di creare un proprio marchio, Uno per tutti, che realizza abbigliamento per bambini dai 2 ai 10 anni. La scelta è per un bimbo comodo, che non sia prevaricato dall’abito che indossa, ma che possa crescere e giocare con la natura addosso. Per questo i materiali scelti sono tutti naturali, dal cotone al lino alla lana. La realizzazione è fatta da artigiani italiani.

www.unopertuttimadeinitaly.com

Alessandra Zamboni

Torna su
Modena, 1970. Messa in un cassetto la laurea in chimica, lavora come responsabile di prodotto in diverse aziende che producono abbigliamento. Dopo alcuni anni decide di diventare una creativa e dà vita al progetto Frugoo Snow Pets. Si tratta di una collezione di abbigliamento per bambini dai 2 ai 6 anni, dietro agli abiti ci sono una fiaba e un mondo fantastico, i cui protagonisti sono il fil rouge dei capi, raffigurati nei dettagli di tessuto stampato. Per il resto la collezione è fatta di jersey e felpa, materiali comodi che rendono facile il gioco ai bimbi.