Feedback positivi per l’edizione n.16 di Fragranze: molto apprezzati lo scouting e la selezione di novità dei brand, la qualità e i numeri dei buyer confermano la grande internazionalità del salone, con ottime performance da Germania, Spagna, Svizzera, dai paesi del Golfo e dal Far East.

Firenze sempre più capitale internazionale della profumeria artistica e di ricerca.

In totale 2.150 circa gli operatori del settore da oltre 50 paesi: grande successo per i talk alla Stazione Leopolda e per il nuovo programma di eventi “La Città delle Fragranze”, con 48 seguitissimi appuntamenti in città.

Il salone di Pitti Immagine che presenta le migliori proposte della profumeria artistica globale si è concluso ieri alla Stazione Leopolda (Firenze, 14-16 settembre 2018), con risultati e feedback che affermano ancora di più il suo ruolo di riferimento internazionale per il settore. Innanzitutto per gli apprezzamenti arrivati sulle novità presentate dagli espositori, per la qualità degli operatori del settore che hanno partecipato, e per il successo del programma di eventi dedicati al mercato e alla cultura olfattiva contemporanea, protagonisti sia al salone che in tanti luoghi della città. Una grande partecipazione ha infatti registrato la prima edizione de “La Città delle Fragranze”, il ricco calendario di iniziative che ha coinvolto Firenze.
 
A scoprire le novità dei 190 tra maison e brand che hanno partecipato a questa edizione - il 70% dei quali esteri – sono arrivati circa 2.150 compratori da più di 50 paesi. Il dato più significativo è proprio quello dei mercati internazionali: i numeri dei buyer esteri confermano gli alti livelli raggiunti all’ultima edizione, a totalizzare quasi 700 presenze complessive. Le performance migliori sono quelle dei compratori dalla Germania (+15%), dalla Spagna (+12%), in crescita anche le presenze dai paesi dell’area del Golfo e dai mercati del Far East; stabili le presenze da Francia, Svizzera, Ucraina, Giappone e Stati Uniti; in leggera flessione i compratori da Regno Unito, Russia e Olanda.
La Francia èsempre in cima alla classifica dei mercati di riferimento di Pitti Fragranze, seguita da Germania, Russia, Spagna, Svizzera, Regno Unito, Ucraina, Emirati Arabi, Olanda, Giappone e Stati Uniti.
Dall’Italia sono stati circa 1.450 i compratori registrati - anche questo un numero in sostanziale conferma rispetto a un anno fa - con una qualità delle presenze che cresce di edizione in edizione: tra i buyer presenti al salone c’erano i rappresentanti dei migliori negozi, delle migliori boutique del profumo e dei più importanti department store italiani.
 
Abbiamo lavorato a un’edizione ancora più focalizzata sulla selezione e lo scouting delle proposte di profumeria artisticaafferma Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine presentando accanto alle ultime creazioni dei nomi di riferimento del settore tanti prodotti di brand emergenti, protagonisti all’interno della sezione Spring. E abbiamo investito su un programma di eventi d’approfondimento sul mercato e sui trend più attuali della cultura olfattiva ancora più ricco e sfaccettato. I risultati e la qualità dei compratori arrivati a Firenze – i nomi di punta della distribuzione sia nazionale sia a livello mondiale – sono una conferma degli obiettivi che ci eravamo posti. Fragranze è sempre di più l’osservatorio privilegiato sulle novità e le tendenze del mondo delle essenze. Lo conferma anche la grande partecipazione di pubblico ai Talk alla Leopolda: 7 appuntamenti e più di 10 special guest coinvolti; dalla presentazione dei risultati del primo Osservatorio di settore promosso da Pitti Immagine e realizzato da Hermes Lab e Università del Sacro Cuore di Milano; alla serie di incontri condotti da Chandler Burr sui mercati emergenti del Far East; fino al focus sulla Vaniglia e le altre preziose materie prime dal Madagascar curato da Mane. Chiudo esprimendo grande soddisfazione per i risultati ottenuti da “La Città delle Fragranze”, novità assoluta di questa edizione: le iniziative in programma sono state seguitissime, con feedback entusiastici sia tra gli operatori che tra il pubblico di appassionati. E per questo ringraziamo tutti i partner che in città sono stati coinvolti nel progetto”.
 
Ecco alcuni numeri de “La Città delle Fragranze”, il programma eventi promosso da Pitti Immagine attraverso musei, palazzi storici, giardini, boutique del profumo, concept store e luoghi gourmet:
 

48 eventi in totale, 28 location coinvolte, 14 visite guidate tutte sold out.