Taste Ring: Si Fa presto a dire Pizza

Stazione Leopolda

Un tempo la pizza era solo margherita o alla napoletana o, con qualche concessione all’estro, capricciosa o al prosciutto. Ora in molti locali è diventata una sorpresa: da tonda è diventata quadra o allungata; gli ingredienti impiegati nella preparazione e i gusti non sono più gli stessi a cui siamo stati sempre abituati. Purtroppo questo galoppare di fantasia e creatività non sempre è affiancato da altrettanta cura nei confronti della materia prima e delle tecniche di lavorazione, tanto che la pizza risulta spesso gommosa o eccessivamente friabile e, cosa ancora più insopportabile, difficile da digerire. Al di là delle varie distinzioni di scuole (romana, napoletana, tradizionalista, innovatrice…) e di processi di lievitazione, quello che forse conta è la qualità finale del prodotto e la serietà professionale di chi lo realizza. A spiegarci come si fa la vera pizza, quella buona, i migliori pizzaioli d’Italia a dibattito col Gastronauta Davide Paolini.

Saranno presenti:
Simone Padoan, I Tigli di San Bonifacio (VR)
Renato Bosco, Saporè di San Martino Buon Albergo  (VR)
Beniamino Bilali, Maestro Pizzaiolo
Paolo Pannacci, Lo Spela di Greve in Chianti (FI)
Massimo Giovannini, Apogeo di Pietrasanta (LU) 
Graziano Monogrammi, La Divina Pizza di Firenze 
Gianfranco Iervolino, Lucignolo La Bella Vita di Boscotrecase (NA)
Luigi Acciaio, Maestro Pizzaiolo
Giancarlo Casa, La Gatta mangiona di Roma
Piero Gabrieli,Molino Quaglia