Pitti Filati 50 presenta

Ricerca e contrasto

curato da Li Edelkoort in collaborazione con Ornella Bignami

Fortezza da Basso

LO SPAZIO RICERCA DI PITTI IMMAGINE FILATI N.50
 
Lo Spazio Ricerca, curato per Pitti Immagine Filati da Li Edelkoort in collaborazione con Ornella Bignami per i punti maglia, apre la manifestazione e accoglie i visitatori all’ingresso del Padiglione Cavaniglia. Frutto della ricerca più avanzata, lo Spazio Ricerca offre stimoli e ispirazioni per i creativi di ogni settore.
Il progetto allestitivo è affidato al Gruppo A12, uno studio di giovani architetti genovesi messosi recentemente in risalto per la partecipazione alle più importanti mostre internazionali di arte e architettura.
 
Il progetto sviluppa fisicamente il tema centrale della ricerca, il contrasto. 
Una linea immaginaria divide lo spazio in due aree opposte per colore e significato ma comunque strettamente legate tra loro. Da una parte tre monoliti, quasi dorsi di dinosauri distesi al suolo, contengono le elaborazioni dei punti maglia. Dall’altra uno schermo a tutta parete mostra le immagini che illustrano visivamente ciascun tema trattato. Le sedute cubiche mettono in scena la cartella colori.
 
Tre le principali contrapposizioni che sollecitano la fantasia creativa.
 
Guerra/pace
Unione di stile aggressivo e dettagli angelici, puri, infantili. Mischiare uniformi con lingerie e merletti.
Fili metallici, armaturati, mischie intelligenti. Colori scuri e freddi: nero, marrone, verde militare, grigio piombo, blu. Bagliori perlacei, materiali eterei e soffici. Bianco e neutri pallidi, rosa e azzurro baby, rosso.
 
Caldo/freddo
Il sapore latino e l’esotismo si fondono con l’eleganza razionale tipicamente nordica. Laddove stravaganza e classicismo si incontrano.
Fili organici, fantasiosi, lavorati, seducenti, colorati, esuberanti. Verde foglia, rosso purpureo, lillà, arancio, tabacco. Fili avvolti da reti, controllati, freddi dalla mano secca, sottili e sottilissimi.Grigio nebbia, grigio blu, verde petrolio.
 
Vecchio/nuovo
L’istinto femminile romantico e sognante si mischia alla più realistica e tecnologica visione del futuro. Stile rétro e design contemporaneo, nostalgia e vita metropolitana.
Materiali che suscitano ricordi, superfici increspate, aspetti antichi e confortevoli. Colori ottocenteschi, fanè. Salvia, marrone bruciato, rosa antico.Mischie tecnologiche, man made. Superfici piatte, eleganti, contemporanee. Carminio, turchese, verde acido, giallo limone.
Firenze, 24 gennaio 2002