I dati di affluenza di Pitti Filati 70

 

Pitti Filati n.70 si è conclusa alla Fortezza da Basso (Firenze, 25-27 gennaio 2012) con un’atmosfera di grande ottimismo tra tutti gli operatori del settore, per un 2013 che si preannuncia migliore delle ultime stagioni. 

I dati d’affluenza finale di questa edizione hanno fatto registrare circa 4.000 buyer intervenuti, a confermare gli stessi livelli di presenze della scorsa edizione invernale.

Ottime le performance dei più importanti mercati internazionali – in totale i buyer esteri hanno raggiunto quota 1.500 presenze – con Germania a +11%, Giappone a +6%, Olanda +25%, Turchia +15%, in crescita anche Francia, Spagna, Svezia, Austria, e una sostanziale conferma nei numeri da Stati Uniti, Hong Kong e Russia. In lieve calo i compratori italiani, a replicare un andamento ormai registrato anche a Pitti Uomo e Pitti Bimbo.       
 
“E’ stata un’ottima edizione di Pitti Filati – commenta Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine. “In questi tre giorni abbiamo visto tanta energia, i filatori hanno dimostrato un dinamismo incredibile nel presentare collezioni di ricerca e nello sperimentare filati innovativi, che sono stati molto apprezzati dai compratori arrivati da tutto il mondo, in rappresentanza delle griffe e delle aziende più importanti della moda internazionale. Dunque dal settore dei filati - primo anello del sistema moda - arrivano segnali molto positivi per le prossime stagioni 2013, anche oltre le aspettative, visto un quadro congiunturale così complesso come quello attuale”.
 


SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

 

 
Vai alla pagina principale