Dietro le quinte del piatto: i macellai tra i veri protagonisti della tavola!

Stazione Leopolda

È tempo di alzare il sipario e conoscere chi, dietro le cucine, fa la fortuna di molti chef. Tra i diversi artigiani, un posto di riguardo l’hanno i macellai. Non coloro che troppo spesso offrono tagli già pronti e rifiniti dai distributori, ma gli artisti del coltello che scelgono i capi dagli allevatori, macellano in proprio, offrono tagli talvolta inconsueti per valorizzare il quarto anteriore e le frattaglie. Alcuni di questi Macellai (con la "M" maiuscola) spesso sono anche oscuri suggeritori di piatti di c blasonati o addirittura in grado loro stessi di offrire bocconi succulenti. Il Gastronauta Davide Paolini ne incontra alcuni di grande rilievo, come rappresentanza di tutti quelli che sparsi in giro per l’Italia silenziosamente sono protagonisti del dietro le quinte di un piatto. A seguire degustazione di alcune loro succulenti invenzioni.


_ Gian Pietro Damini, Macelleria Damini e Affini di Arzignano (Vicenza)
_ Simone Fracassi, Macelleria Fracassi di Rassina (Arezzo)
_ Sergio Motta, Macelleria Motta di Inzago (Milano)
_ Franco Cazzamali, Macelleria Cazzamali di Romanengo (Cremona)