Un nuovo capitolo per Hunting World

Una vita all'insegna dell'avventura, molti anni spesi in Africa a organizzare viaggi, spedizioni e safari in 17 nazioni di quel continente, poi cambiamenti politici che resero impossibile continuare un certo tipo di lavoro e il ritorno a New York. E quando nel 1965 Bob Lee tornò nella sua terra natale mise a frutto la sua esperienza con una linea di accessori pensata proprio per   un lifestyle pieno di sfide e all'aria aperta, grazie anche ad un materiale resistente. Da quel momento la Battue Collection del brand fondato da Lee, Hunting World, si è rinnovata costantemente, rimanendo un punto di riferimento per chi cerca borse e valigie capaci di affrontare viaggi particolarmente impervi. E dopo cinquant'anni di successo ora Hunting World lancia una vera e propria collezione ready to wear, scegliendo Pitti Uomo per questo importante momento. Abbiamo intervistato Yusuke Kimura, marketing manager del marchio, per farci raccontare meglio questa grande novità di Hunting World. 

Cinquant’anni nel mondo degli accessori e ora una vera e propria linea ready-to-wear. Può dirmi il motivo di questa decisione e perché ora, in questo momento? È solo un modo per celebrare la vostra storia o avete intenzione di continuare poi con la collezione?

Dagli inizi Bob Lee, fondatore del marchio, ha sempre dato vita ad alcuni capi di abbigliamento e accessori che trovava particolarmente utili per la vita all'aria aperta, tra cui scarpe, giacche, gilet da caccia, magliette e altro ancora. Noi siamo un marchio lifestyle e, nonostante siamo noti per le nostre borse, abbiamo sempre cercato il momento giusto per presentare una completa collezione ready-to-wear. Con l'arrivo di Yosuke Aizawa come direttore del nostro team creativo, abbiamo accolto positivamente la sua forza e i risultati da lui ottenuti nella progettazione di una collezione creativa e funzionale. Così abbiamo pensato che la stagione P/E 2018 fosse perfetta per lanciare questa collezione. E abbiamo intenzione di continuare a sviluppare questa linea e a presentare collezioni sempre più complete.
 
Ci può dare un’anteprima di quello che vedremo a Firenze?
Vi prego, dovete venire allo show e vedere di persona! Quello che posso dirvi è che sarà sicuramente qualcosa di strettamente legato al DNA del nostro brand. Vedrete elementi legati al mondo del viaggio, dell’avventura all'aria aperta e a uno stile di vita sportivo realizzati con materiali familiari alla nostra clientela, ma anche con molte novità. Credo che sia un approccio fresco al mondo dell’abbigliamento, che può avere un appeal molto vasto, oltre a essere perfettamente in sintonia con le richieste dei clienti fedeli al marchio.
 
La vostra opinione su una manifestazione come Pitti Uomo e quali le motivazioni dietro a questa presentazione fiorentina della nuova collezione?
Pitti Uomo è una manifestazione d'elite famosa a livello mondiale per la capacità di presentare i migliori fashion brand di tutto il mondo. Con Hunting World siamo stati presenti per anni a Pitti Uomo e siamo orgogliosi di questo. Firenze è una seconda casa per noi, considerando che abbiamo prodotto le borse e la pelletteria proprio qui per molti decenni. Pitti e la nostra produzione locale sono fra le ragioni per cui abbiamo aperto un flagship store a Firenze nel 2015.
 
Quali pensa siano le caratteristiche principali che hanno permesso alla linea di mantenere un costante successo per tutti questi anni?
Il successo e la nostra continuità come marchio sono un omaggio alla visione del nostro fondatore Bob Lee. Mr. Lee ha concepito il marchio ei suoi prodotti attraverso decenni di safari, spedizioni in montagna, esplorazioni particolarmente dure in tutto il mondo. La nostra linea Battue di borse e accessori è nata da questa necessità ed è stata costantemente rivista e perfezionata nel corso degli ultimi 40 anni. La Battue Collection rimane vitale oggi ed è rilevante per tutte le generazioni grazie alle radici autentiche.
 
Quale è il vostro target di riferimento, chi è l'uomo che compra Hunting World e che acquisterà la linea di abbigliamento?
Il marchio Hunting World ha come clienti di riferimento uomini tra i trenta e i quarant’anni, che si identificano con uno stile di vita all'aria aperta e che vogliono presentarsi in modo sportivo e avventuroso, comunicare che amano questo mondo e che hanno anche un forte senso dello stile.
Siamo consapevoli del fatto che questo stile di vita sia attraente per i Millennials e cerchiamo di essere sempre più in contatto con questa generazione più giovane. Stiamo sviluppando ulteriori prodotti in questa direzione.
 
È mai stato a Firenze? Ha un ricordo particolare legato alla sua permanenza qui e a Pitti Uomo?
Amo Firenze! Spesso vengo qui per lavorare nella nostra fabbrica, visitare il nostro negozio, ma anche per avventurarmi nelle colline circostanti. Ogni visita è speciale a suo modo, così come lo sono ogni bottiglia di vino o pasto meraviglioso. Per me la storia, la cultura e la gente di Firenze sono incantevoli e questo mi spinge a tornare volentieri ogni volta. Per non parlare del cibo e del vino!
 
Progetti per il futuro?
Siamo un marchio con una storia e clienti fedeli, questo perché proponiamo un prodotto unico e abbiamo un preciso punto di vista sul lusso. Non vediamo l'ora di abbracciare e attrarre nuovi clienti che si identifichino con il nostro stile di vita. Anche se abbiamo una visione a lungo termine, cerchiamo di affrontare ogni stagione passo dopo passo, con l’unico obiettivo di creare i look migliori e più nuovi, che meritino di essere definiti nel pieno DNA Hunting World.