Taste 15

26-28 marzo 2022
Firenze, Fortezza da Basso
Report finale

Il ritorno di TASTE, dopo due anni di stop forzato, è stato accolto con grande entusiasmo da parte degli operatori di settore e del pubblico.
Il salone delle eccellenze enogastronomiche si è presentato rinnovato e ampliato, e per la prima volta si è svolto negli spazi della Fortezza da Basso. Il cambio di location si è dimostrato funzionale sia dal punto di vista della sicurezza sia da quello della fruizione della manifestazione, con un allestimento e un percorso di visita che hanno agevolato il rapporto tra espositori e compratori.
La capacità di fare scouting e la selezione delle aziende sono stati anche a questa edizione il punto di forza di Taste, giudicati di altissimo livello, in grado di attrarre un numero in crescita di operatori professionals e buyer internazionali.

LE AZIENDE PROTAGONISTE

26 - 28 marzo
2022
  • Aziende
    che hanno presentato i propri prodotti in Fortezza da Basso
    (+90 rispetto al 2019)
    470
  • Aziende
    presenti anche sulla piattaforma Pitti Connect
    445 (95%)
  • Prodotti venduti
    nel TASTE Shop
    13.000
  • Eventi FuoridiTASTE
    50+

LE PRESENZE IN FORTEZZA DA BASSO

L'edizione n.15 di TASTE ha visto crescere il numero delle presenze degli operatori di settore e dei buyer internazionali. Incrementi importanti si sono registrati,  rispetto alle partecipazioni all’ultima edizione del 2019, soprattutto dal fronte

estero: Francia (+46%), Stati Uniti (+53%), Regno Unito (+28), Olanda (+66%) e Austria (68%). Molto bene anche Canada, Polonia, i Paesi dell’area scandinava, da registrare anche la partecipazione di qualche delegazione dai Paesi del Far East.

26 - 28 marzo
2022
  • Operatori del settore + visitatori
    7.000
  • Buyer totali
    5.000
  • buyer italiani
    4.500
  • buyer esteri
    500
  • Paesi di provenienza dei buyer
    50
Tra i mercati di riferimento le performance migliori quelle di Francia (+46%), Stati Uniti (+53%), Regno Unito (+28), Olanda (+66%) e Austria (68%).
Molto bene anche Canada, Polonia, i paesi dell’area Scandinava, da registrare anche la partecipazione di qualche delegazione dai paesi del Far East.
Questi i primi 10 Paesi esteri per affluenza compratori: Francia, Stati Uniti, Germania, Regno Unito, Olanda, Svizzera, Austria, Spagna, Belgio, Norvegia.
 

BUYER PREMIUM

L'edizione n.15 di TASTE ha portato in Fortezza i buyer di alcuni dei più importanti negozi specializzati, aziende della distribuzione, department store, importatori di eccellenze italiane.

Tra i nomi presenti: Atlas Gourmet (Spagna), Aux Gourmet d’Italie (Francia), Banon (Israele), Belmond Italia (Italia), Bergdorf Goodman (Stati Uniti), Big Mamma Group (Francia), Buonsenso (Belgio), Carluccio’s (Regno Unito), Cbg Comercial (Spagna), Che Fico (Stati Uniti), Ciao Gusto (Francia), Cibo Divino (Stati Uniti), Cibovinum (Svizzera), Cibreo (Italia), Colmado Singular (Spagna), Conad (Italia), Coop Italia (Italia), D. Coluccio & Sons (Stati Uniti), Dallmayr (Germania), De Simoni (Svizzera), Delicario (Regno Unito), Dical House (Malta), Digusti (Paesi Bassi), Ditalia (Stati Uniti), Divine Eccellenze (Canada), Divinoil (Svezia), Eataly (Italia), Enoteca Pinchiorri (Italia), Esselunga (Italia), Forever Cheese (Stati Uniti), Fortune Fish & Gourmet (Stati Uniti), Four Seasons Hotel (Italia), Good Mansion Wines (Stati Uniti), Gourmet Studio (Lettonia), Great Ciao (Stati Uniti), Gucci Garden (Italia), Guidi Marcello (Stati Uniti), Gustiamo (Stati Uniti), Gusto NL (Paesi Bassi), Il Nuraghe (Germania), Inalca (Italia), Isetan Mitsukoshi Italia (Italia), Itaca Direct (Canada), Italian Products (Stati Uniti), Ivy (Bahrain), J & G (Regno Unito), J.L.Lambert (Belgio), Just Gourmet Foods (Regno Unito), Kaefer (Germania), L’Idéal Épicerie (Francia), La Cambuse (Francia), La Credenza (Regno Unito), La Fromagerie (Regno Unito), Longino & Cardenal (Italia), Magaras (Singapore), Maisto Gurmanas (Lituania), Mammafiore (Spagna), Manicaretti (Stati Uniti), Maricase (Paesi Bassi), Mercato italiano (Paesi Bassi), Moellans (Svezia), Natoora (Regno Unito), Negrini (Spagna), Nonna Angela (Francia), Nord Trade (Norvegia), Olivo (Finlandia), Panino Giusto (Italia), Panzer’s (Regno Unito), Phiale Wines & Foods (Cipro), Piedmont Wine Import (Stati Uniti), PWE (Polonia), Rinascente (Italia), Reale & Fantoni (Portogallo), Roberto & Franco (Polonia), Saa Godt (Norvegia), Salento Uk (Regno Unito), Salvo 1968 (Regno Unito), Santini Foods (Stati Uniti), Selezione Sartorio (Svizzera), Selfridges (Regno Unito), Silletti (Paesi Bassi), Smak AV Italia (Norvegia), Sogno di Pasta (Olanda), Starhotels (Italia), Sum (Francia), Sweetly (Corea del Sud), Tasty Ribbon (Stati Uniti), Tenuta Marmorelle (Regno Unito), The Caprioli (Cina – Hong Kong), The Fine Cheese (Regno Unito), The Oil Merchant (Regno Unito), The Red Beetle (Regno Unito), Viani Import (Germania), Viola Imports (Stati Uniti), Whole Foods Market (Stati Uniti), Wilk Delicatessen (Germania), Wisk (Emirati Arabi Uniti), Zest of Italy (Austria).

Grande successo per il format online BUYERS SELECT: una serie di interviste mirate con le quali alcuni dei più importanti operatori hanno condiviso con la community di TASTE il loro punto di vista sul futuro del mercato food e una selezione speciale di aziende e di prodotti made in Italy irrinunciabili.

Questi i loro nomi: Gustiamo (Stati Uniti), Viani (Germania), Guidi Marcello (Stati Uniti), J&G (Regno Unito), De Simoni (Svizzera), Épicerie l'Idéal (Francia/Svizzera), Deli Food & Wine (Polonia).

Ecco alcuni feedback raccolti tra i buyer durante il salone:

Non ero mai stato a TASTE e credo che tornerò a ogni edizione. Mi è piaciuta moltissimo la location della Fortezza, spaziosa e davvero ben organizzata, oltre ad essere nel cuore della città quindi logisticamente comoda. Gli espositori sono tutti di altissima qualità, la fiera ospita i migliori artigiani d’Italia e ne sono rimasto piacevolmente colpito. Ho partecipato a un Ring insieme a Davide Paolini e mi ha fatto piacere notare che l’evento sia stato seguito con interesse da moltissime persone, segnale che il pubblico della fiera è davvero focalizzato e del settore. Non posso che essere soddisfatto.

— Riccardo Uleri, presidente e amministratore delegato LONGINO & CARDENAL (Italia)

Partecipo a TASTE da tredici anni. La Stazione Leopolda aveva indubbiamente il suo fascino ma preferisco la nuova location della Fortezza Da Basso: più grande, più professionale e davvero ben organizzata. TASTE è la fiera migliore in Europa del settore, da nessun’altra parte si trova un livello così alto di qualità. E’ sempre un piacere tornarci, sia per incontrare le aziende con cui già lavoriamo sia per cercare nuove collaborazioni. Mi piace non pianificare molto, arrivare libero con gli occhi aperti e lasciarmi conquistare dalla passione che vedo ogni volta in questi produttori. Si respira un grande amore per il lavoro che fanno. Organizzazione eccellente come sempre e molto interessante il calendario degli eventi FuoriDiTASTE: credo che far partecipare la città sia un aspetto davvero importante.

— Frank Wilk, Founder di WILK GOURMET GROUP (Germania)

Partecipo a TASTE dalla sua prima edizione. La fiera è un appuntamento importante perché rispecchia una selezione rigida e severa proprio come lo è la nostra a New York. In questa edizione ho riscontrato un miglioramento sostanziale in termini di spazio, in quanto la nuova location è molto più grande, e di conseguenza di tranquillità durante gli incontri e le degustazioni. Tutto è leggermente più disteso e professionale. E’ davvero un successo aumentare così tanto una fiera mantenendo questo livello di qualità.

— Beatrice Ughi, founder di GUSTIAMO (New York)

Partecipo a TASTE dal 2012, ancora prima di iniziare a lavorare per Mammafiore. Per me TASTE è come una festa a cui hai voglia di venire, è una fiera fatta su misura che racchiude solo il meglio della gastronomia italiana ed è diverse da tutte le altre del settore, a mio parere più dispersive. La nuova location della Fortezza Da Basso offre ancora più spazio e la fiera nonostante il suo sviluppo non perde il fascino della nicchia che aveva in Leopolda. TASTE rappresenta il top ed è una grandissima opportunità per scoprire nuove realtà e come lavorano. Il nostro è un lavoro culturale: dobbiamo informare ed educare il cliente alla qualità e qui ho trovato solo aziende in linea con questa filosofia.

— Francesco Emanuele, responsabile vendite MAMMAFIORE (Spagna)

Prima volta a TASTE. Il nostro concept presenta prodotti artigianali e di qualità e TASTE è stata una vetrina importantissima di produttori e realtà locali che altrimenti sarebbero stati difficili da reperire. Il livello di qualità delle aziende è altissimo e ho apprezzato molto che tutti gli stand avessero la stessa grandezza: la fiera dà a tutti le stesse possibilità ed è veramente il prodotto a parlare. E’ stata anche un’occasione importante di confronto: è dallo scambio con le persone che nascono nuove idee e nuovi progetti. Sono davvero soddisfatta.

— Giulia Scargetta, founder di TASTY RIBBON (New York)

E’ la prima volta che partecipo a TASTE. La location è perfetta per questo tipo di manifestazione: è molto grande e permette di rispettare le distanze durante le degustazioni e i meeting. Mi ha fatto sentire in sicurezza. Ho scelto di partecipare a TASTE per due motivi: molti dei partner con cui collaboro espongono in fiera e dopo un lungo periodo forzato di videocall e incontri virtuali è bello potersi rivedere in persona. Inoltre sto cercando nuovi partner e sicuramente la fiera rappresenta una grande opportunità di incontro. TASTE ha davvero un ottimo match di aziende per la nostra realtà, che cerca prodotti in grado di coniugare la bontà con una buona presentazione e l’impegno per la sostenibilità. La pandemia ci ha reso consumatori più consapevoli e attenti all’ambiente.

— Anne Parkkinen, founder di OLIVO COMPANY (Finlandia)

TASTE è una fiera molto vivibile, con un ottimo filtro per la qualità dei suoi espositori e la giusta quantità di visitatori. La location è grande, comoda in quanto è nel cuore della città (a differenza di tante altre fiere del settore) ed è davvero ben organizzata. La conoscevo di nome ma non avevo ancora avuto l’occasione di partecipare e sono contento di averlo fatto. Mi aspettavo prodotti di nicchia, ma non mi aspettavo di trovare solo prodotti di nicchia. Tornerò sicuramente alla prossima edizione.

— Leonardo Parpinel, general manager trading di WISK (Dubai)

La nostra prima volta a TASTE. Una location davvero degna di nota, siamo rimasti colpiti dal livello degli espositori che rappresentano solo aziende di nicchia del mondo gastronomico. Per noi che ci occupiamo di esportazione di prodotti di lusso diventerà la fiera di riferimento! E’ stato un appuntamento culturale importante perché ci ha dato la percezione di quello che esiste davvero in Italia, dando voce a realtà magari piccole, ancora sconosciute, ma di altissima qualità. Le aziende sono messe tutto allo stesso livello, è il prodotto che parla. Inoltre credo che sia fondamentale supportare queste iniziative: facciamo tutti parte di un sistema ed è importante che ognuno faccia la sua parte.

— Ramon Addazi e Martina Stoppo, fondatori di MAGARAS (Singapore)

STAMPA E FEEDBACK DEI MEDIA

400 circa tra giornalisti e operatori media hanno partecipato a TASTE n. 15. 

I principali quotidiani e periodici nazionali ed esteri, i magazine di settore, tv testate on line hanno seguito il salone registrando tendenze e novità, e partecipando agli eventi che hanno animato la Fortezza da Basso.

Oltre 50 i giornalisti esteri accreditati provenienti principalmente da: 
Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Spagna, Regno Unito, Stati Uniti, Perù.

Ecco alcuni dei quotidiani, magazine, testate online, tv, blogger e influencer che hanno visitato TASTE n. 15:

ABC (Spagna), Agrodolce (Italia), Annabelle Schachmes (Francia), Ansa (Italia), Artribune (Italia), Bartù (Italia), Condé Nast Traveller Magazine (Regno Unito), Corriere della Sera (Italia), Cook – Corriere della Sera (Italia), Die Welt (Germania), Dispensa Magazine (Italia), Dolcesalato (Italia), El Comercio Journal (Perù), Elle (Spagna), Exportiamo (Italia), Food&Wine (Italia), Food and Sens (Francia), Cecile Cau – Sofoodsogood (Francia), Gusto – La Repubblica (Italia), QN Quotidiano Nazionale (Italia), Julie Zwingelstein (Francia), Die Zeit (Germania), Gambero Rosso (Italia), Gastronomika – Linkiesta (Italia), La Nazione (Firenze), La Repubblica (Italia), Corriere Fiorentino (Italia), RAI (Italia), Grande Cucina (Italia), Il Forchettiere (Italia), Il Tirreno (Italia), La Stampa (Italia), Italia 7 (Italia), La Cucina Italiana (Italia), La Freccia (Italia), La Vanguardia (Spagna), Mediaset (Italia), Milano Finanza (Italia), Monocle Magazine (Regno Unito), Pambianco Magazine (Italia), Panorama (Italia), Pasticceria Internazionale (Italia), Premiata Salumeria Italiana (Italia), Scatti Di Gusto (Italia), Shukan Shincho (Giappone), Tuorlo Magazine (Italia), Viaggi del Gusto Magazine (Italia), WITALY Magazine (Italia).

 

IL TEMA “ZERO SPRECO”, I RING E I TALK ALLA FORTEZZA:

  • TASTE Talk: 3 incontri che hanno declinato in vario modo il tema di questa edizione, “ZERO SPRECO: non sprechiamo il cibo, non sprechiamo l'ambiente”. 
  • TASTE Ring: 3 dibattiti, condotti dal giornalista e gastronomo Davide Paolini, sui temi più attuali della food culture. 
  • Testo fa TASTE: 6 incontri con i libri che parlano di cucina e delle nuove prospettive sul racconto del cibo, sulla scia della prima edizione di TESTO [Come si diventa un libro], il nuovo evento di Pitti Immagine dedicato all’editoria contemporanea.

PITTI CONNECT: la grande novità che ha conquistato subito espositori e buyer

La quindicesima edizione di TASTE è stata caratterizzata dal debutto della manifestazione sulla piattaforma digitale Pitti Connect.
Lanciato nel 2020 con le edizioni estive di Pitti Immagine Uomo e Pitti Immagine Bimbo, Connect si è rivelato fin da subito un supporto essenziale per le attività di espositori e buyer. 
Così è stato anche TASTE.
Sul fronte delle adesioni, le nostre aspettative sono state di gran lunga superate: oltre il 95% degli espositori presenti in Fortezza da Basso ha deciso di aderire anche online.
Un feedback altrettanto concreto è arrivato dai buyer: oltre 3mila compratori hanno navigato sotto registrazione, di cui il 16% si è collegato dall'estero. Un dato importante, quest'ultimo, perché sottolinea la possibilità che TASTE diventi una manifestazione di respiro internazionale. 
Ottime, infine, anche le performance sia per le visualizzazioni di pagine che per le sessioni.

7 dicembre - 25 aprile
2022
  • Operatori accreditati*
    4.239
  • Visualizzazioni di pagina totali*
    731.440
  • Visite*
    218.691
  • Tempo medio di permanenza a sessione*
    1' 16''
  • Media pagine consultate a visita*
    3,34
*dati dal 7/12/2021 al 25/4/2022

L'edizione n.15 di TASTE ha debuttato su Connect il 7 dicembre 2021 e rimarrà online fino al 29 luglio 2022. 
In questo periodo, che ha preceduto, affiancato e prolungato l'esperienza del salone fisico in Fortezza da Basso, i feedback ricevuti dai nostri interlocutori sono stati ottimi. Pitti Connect ha rappresentato la risposta concreta alle nuove esigenze di comunicazione globale delle aziende, offrendo strumenti di connessione in linea con le esigenze del mercato, e confermandosi così parte integrante del nostro sistema fieristico.

 

BUYER SU PITTI CONNECT
 

II buyer di alcuni dei più importanti negozi specializzati, aziende della distribuzione, department store, importatori di eccellenze italiane hanno visitato questa edizione di TASTE su Connect. 

Ecco alcuni nomi: Alajmo (Italia), Amico of Egypt (Egitto), Asahi Grant (Giappone), Banon (Israele), Belmond Italia (Italia), Beriksson (Svezia), Big Mamma Group (Francia), Brera Food (Norvegia), Buono (Ungheria), Buonsenso (Belgio), Carluccio’s (Regno Unito), Ceesta (Finalndia), Ciao Gusto (Francia), Cibovinum (Svizzera), Coin (Italia), Conad (Italia), Coop Italia (Italia), Da Vittorio (Italia), D. Coluccio & Sons (Stati Uniti), Da Giorgio (Spagna), Dean & Deluca JP (Giappone), Delicario (Regno Unito), Dical House (Malta), Ditalia (Stati Uniti), Divine Eccellenze (Canada), Divinoil (Svezia), Dove Tale Collections (Canada), Eataly (Italia), Eataly USA (Stati Uniti), El Corte Ingles (Spagna), Enoteca Pinchiorri (Italia), Esselunga (Italia), Eurofood (Lussemburgo), Fischer + Trezza (Germania), Forever Cheese (Stati Uniti), Fortune Fish & Gourmet (Stati Uniti), Four Seasons Hotel (Italia), Gabbani (Svizzera), Galeries Lafayette (Francia), Good Mansion Wines (Stati Uniti), Gourmet Studio (Lettonia), Gucci Garden (Italia), Guidi Marcello (Stati Uniti), Gustiamo (Stati Uniti), Gourmet & Food Art (Cina), Gusto NL (Paesi Bassi), Hankyu Hanshin (Giappone), Harrods (Regno Unito), Il Molino (Svezia), Inalca (Italia), Isetan Mitsukoshi Italia (Italia), Itaca Direct (Canada), Ivy (Bahrain), J & G (Regno Unito), J.L.Lambert (Belgio), Just Gourmet Foods (Regno Unito), L’Amie Paulette (Francia), La Bussola del Gusto (Francia), L’Emporio Fine Foods (Regno Unito), L’Idéal Épicerie (Francia), La Cambuse (Francia), La Credenza (Regno Unito), La Fromagerie (Regno Unito), La Scoperta (Belgio), Longino&Cardenal (Italia), Lugano Fine Foods (Canada), Magaras (Singapore), Manicaretti (Stati Uniti), Maricase (Paesi Bassi), Mercato italiano (Paesi Bassi), Mercury - Tsum (Russia), Natoora (Regno Unito), Negrini (Spagna), Neuenschwanderag (Svizzera), Nonna Angela (Francia), Nord Trade (Norvegia), Nur Gutes (Germania), Olivo (Finlandia), Panino Giusto (Italia), Panzer&s (Regno Unito), Phiale Wines & Foods (Cipro), Piedmont Wine Import (Stati Uniti), PWE (Polonia), QB Food Trading (Singapore), R2M (Israele), Raineri (Belgio), Reale & Fantoni (Portogallo), Ritex Gourmet (Polonia), Roberto & Franco (Polonia), Romina Food (Germania), Saa Godt (Norvegia), Salvo 1968 (Regno Unito), Santini Foods (Stati Uniti), Savello USA (Stati Uniti), Selezione Sartorio (Svizzera), Selfridges (Regno Unito), Sensodivino (Lussemburgo), Silletti (Paesi Bassi), Smak AV Italia (Norvegia), Sogno di Pasta (Olanda), Starhotels (Italia), Sum (Francia), Sweetly (Corea del Sud), Tasty Ribbon (Stati Uniti), Tenuta Marmorelle (Regno Unito), The Caprioli (Cina – Hong Kong), The Oil Merchant (Regno Unito), The Red Beetle (Regno Unito), Uzupio Krautuve (Lituania), Viani Import (Germania), Viola Imports (Stati Uniti), Wilk Delicatessen (Germania), Wisk (Emirati Arabi Uniti), Zest of Italy (Austria).

 

BUYER CHE HANNO EFFETTUATO IL LOG-IN SU PITTI CONNECT

3.197 buyer totali
2.691 buyer italiani (84,2%)
506 buyer esteri (15,8%)
        
I principali Paesi dai quali è stato effettuato l'accesso: Germania, Regno Unito, Francia, Stati Uniti, Svizzera, Belgio, Austria, Olanda, Giappone, Canada, Spagna, Danimarca, Norvegia, Corea del Sud, Grecia, Polonia, Romania, Russia, Irlanda, Slovenia, Svezia, Lettonia, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Rep. Ceca, Singapore, Ucraina, Australia, Cina, Cina-Hong Kong.

 

PRESS E MEDIA SU CONNECT

Ecco alcuni dei quotidiani, magazine, testate online e tv che hanno seguito Pitti Uomo 101 online:

Ansa (Italia), Corriere della Sera (Italia), Cucina Moderna (Italia), Dispensa Magazine (Italia), Elle (Italia), Excellence Magazine (Italia), Fermento Birra Magazine (Italia), Food&Wine (Italia), Gambero Rosso (Italia), Gastronomika - Linkiesta (Italia), Gazzetta di Mantova (Italia), Gentleman (Italia), Gustando Magazine (Italia), Huffington Post (Italia), I Grandi Vini (Italia), Icon (Italia), Il Forchettiere (Italia), Il Messaggero (Italia), Il Pasticcere (Italia), Il Sole 24 Ore (Italia), Il Tirreno (Italia), Italia a Tavola (Italia), La Nazione (Italia), La Cucina Italiana (Italia), La Repubblica (Italia), La Sicilia (Italia), La Vanguardia (Spagna), L'Espresso (Italia), Mediaset (Italia), Monocle Magazine (Regno Unito), Milano Finanza (Italia), Pambianco (Italia), Pasticceria Internazionale (Italia), Premiata Salumeria Italiana (Italia), QN Quotidiano Nazionale (Italia), RAI (Italia), Repubblica.it (Italia), Scattidigusto (Italia), Spend In (Spagna), T Magazine (USA), Viaggi del Gusto Magazine (Italia), Vogue (Italia), Wine News (Italia).

407 giornalisti e operatori media italiani e internazionali hanno visitato il salone con log-in.

Principali Paesi di provenienza: Germania, Spagna, Stati Uniti, Giappone, Canada, Danimarca, Montenegro, Perù, Regno Unito, Serbia, Slovacchia, Svezia.

 

THE BILLBOARD 

In parallelo al salone fisico, anche su Pitti Connect si è svolta un'intensa attività editoriale con un ricco programma di progetti speciali, format esclusivi ed eventi andati online su The Billboard. Si tratta di contenuti curati nei minimi dettagli, e poi rilanciati attraverso 30 newsletter e i canali social. 
131 i post e 376 le stories pubblicati su Instagram, che hanno raggiunto 2.400.000 contatti e oltre 3.600 follower. Sul canale Facebook, dove la fanbase è cresciuta dell'11% superando gli 11.300 follower, sono stati pubblicati 171 post. In questo modo, abbiamo moltiplicato la visibilità delle aziende di TASTE e dei loro prodotti.

Ecco alcune delle serie editoriali andate online che hanno contribuito a valorizzare i nomi degli espositori di TASTE.
  • “Abbecedario della Spesa – Le parole da mettere in Dispensa”: sei puntate per altrettante parole che compongono un nuovo vademecum per fare la spesa, in collaborazione con il bookazine “Dispensa” e con la sua fondatrice, Martina Liverani, gastronoma e food curator. 
  • Buyers Select: la redazione del magazine “Food&Wine Italia”, capitanata da Federico De Cesare Viola, ha curato 7 interviste ai protagonisti italiani e internazionali del food retail. 
  • TASTE visto da Tuorlo: a questa edizione il magazine digitale “Tuorlo” ha seguito gli eventi in programma in Fortezza durante i tre giorni della manifestazione, realizzando interessanti video reportage e interviste ai protagonisti.