UNITED COLORS OF BENETTON DEBUTTA
A PITTI BIMBO CON 65 BENETTON STREET

65 Benetton Street. È qui che vivono i kids del mondo creato da Jean-Charles de Castelbajac per la prima sfilata di United Colors of Benetton a Pitti Bimbo. Una strada di una città di oggi, perché la strada è il più grande museo d’arte contemporanea. E i giovani cittadini di Benetown vestono seguendo l’iconografia storica di Benetton - del colore e dello sportswear - con in più una identità forte, fatta di ironia e dolcezza, ma anche di cultura cittadina. Vivono il quotidiano, viaggiano veloci - su monopattini e skateboard - sono agili, creativi, curiosi. Ci tengono al loro pianeta e indossano capi tinti con colori atossici e naturali, piumini realizzati con materiali riciclati e fibre nobili. Amano lo street style e la street art: non a caso indossano capi mimetici, a stelle, a righe o impreziositi dai graffiti di Keith Haring - grazie a una collaborazione con la Fondazione Haring, voluta dallo stesso JCC, che ha condiviso con l’artista newyorkese una grande amicizia.


La casa di Benetton a Pitti Bimbo sarà il Teatrino della Fortezza Da Basso, che diventa un luogo contemporaneo, con un carattere cromaticamente molto forte, dove sventoleranno le bandiere vivaci dei colori primari dell’azienda.
Il design di moda al servizio dell’estetica kids, il colore come filosofia di vita, un gusto contemporaneo e mai nostalgico, una responsabilità etica: ecco l’aria che si respirerà al 65 di Benetton Street.