Calendario degli eventi di Pitti Uomo 97 - provvisorio 06 gennaio - 09 ottobre 2020

SHOW YOUR FLAGS AT PITTI: il tema dei saloni invernali

Pitti parla di bandiere. Un rettangolo di stoffa, un intarsio di linee, colori, disegni: la bandiera di Pitti Immagine sventola nello scatto realizzato dal grande fotografo reporter Franco Pagetti per la campagna dei saloni invernali. Tessuti sempre in movimento, come quelli degli abiti che portiamo, e che come gli abiti sono simboli mobili di identità, di appartenenza, di pensiero, di sentimento. La bandiera non è mai un tessuto muto, dice sempre qualcosa, suscita sempre un’emozione perché parla secondo messaggi universali. È espressiva, entusiasta, insolente. Fluttua, si cala, si ammaina, si alza, si porta, si piega, si sventola. Le bandiere sono anche bellissime composizioni geometriche, producono un piacere nel vederle sventolare. Pitti è come le Nazioni Unite della Moda, dove ogni brand ha la propria bandiera, ma anche dove ognuno di noi può farsi bandiera di se stesso. Art direction di Angelo Figus, set design di Alessandro Moradei. 

Scandinavian Manifesto: nuova location, nuovo format!

NEW! Sala del Rondino

Pitti Immagine, in collaborazione con Revolver Copenhagen, presenta la quarta edizione di Scandinavian Manifesto. Una selezione unica di brand che porta a Firenze le collezioni e i designer del Nord Europa. Per un focus su una delle scene fashion più apprezzate a livello globale. Designer emergenti e brand più consolidati, provenienti da Danimarca, Svezia e Norvegia, animeranno uno spazio allestito con il gusto e le atmosfere nordiche.  

Japan Creativity Now

Padiglione Centrale, PIano Attico

_ ANREALAGE debutta a Pitti Uomo con TOKYO KNIT
Lavorando da sempre all’intersezione tra tradizione e innovazione, Pitti Uomo 97 porta sotto i riflettori la storia e il futuro della maglieria giapponese nell’area speciale dedicata a TOKYO KNIT al Top Floor del Padiglione Centrale. Unendo la tradizione manuale secolare dei Samurai e la high speed tecnology e la produzione d’avanguardia del Giappone di oggi, la piattaforma TOKYO KNIT presenterà una collaborazione con il talento creativo di Kunihiko Morinaga, fondatore di ANREALAGE. Noto per integrare la tecnologia nei suoi capi d’avanguardia, il designer giapponese e finalista del premio LVMH 2019 debutta a Pitti Uomo con la capsule TOKYO KNIT x ANREALAGE, ispirata dalla Tokyo contemporanea.

Tokyo Fashion Award + White Leather Project

Touch! Padiglione Medici

Touch! sarà il sofisticato contenitore di due progetti speciali dedicati ai nomi emergenti e alla scena fashion più creativa dal Giappone. Una nuova puntata della collaborazione col Tokyo Fashion Award, protagonisti 6 brand emergenti selezionati da una prestigiosa giuria. E ancora, The White Leather Project porta a Firenze i nuovi prodotti di quattro brand giapponesi specializzati nella lavorazione artigianale della pelle bianca, tecnica millenaria praticata solo nell'area di Himeji.

China Energy

Arena Strozzi

Pitti Uomo continua a fare scouting sulla scena creativa cinese, presentando un nuovo progetto che nel percorso del salone renderà protagonisti designer e brand cinesi ad alto tasso di ricerca fashion. Un’area speciale presenterà una selezione di collezioni curata da Labelhood, incubatore fashion di designer emergenti e tra i più innovativi retailer in Cina, in collaborazione con V/Collective.  

La sezione PITTI UOMO: contemporary classics

Padiglione Centrale

Cuore della sezione Pitti Uomo, il Padiglione Centrale racconta le evoluzioni del menswear e le sue contaminazioni design. Dai brand che rileggono la lezione del tailoring e interpretano il nuovo lusso del guardaroba maschile, a collezioni in dialogo con gli altri mondi di Pitti Uomo.
E accanto alle aziende presenti al Padiglione Centrale, l’universo contemporary classic si sviluppa anche attraverso una serie di brand che scelgono spazi indipendenti dentro la Fortezza.

FUTURO MASCHILE: il nuovo guardaroba menswear

Sala delle nazioni+Arena Strozzi+Piazzale delle Ronde

Capitolo irrinunciabile dell'eleganza menswear, il contemporary classic contraddistingue le collezioni proposte da Futuro Maschile. Un brand mix inedito e trasversale, che va da outfit ultra-selezionati e di ricerca a quelli con un'anima rivolta allo sportswear. Di edizione in edizione, la prospettiva di questa sezione si amplia per valutare e proporre le opzioni più innovative del guardaroba maschile.  

I POP UP STORES: missione accessori

Padiglione Centrale

I Pop Up Stores presentano una proposta trasversale riservata ai prodotti lifestyle del guardaroba maschile: eyewear, calzature, borse e accessori da viaggio, ma anche oggetti  design. Una selezione sempre nuova e sorprendente, che segue le regole più attuali del gioco espositivo. 

HI BEAUTY: specchio delle mie brame

Padiglione Centrale, Piano Inferiore

Hi Beauty è un’estensione di Pitti Fragranze, il salone di Pitti Immagine dedicato al mondo della profumeria artistica internazionale. Una scelta esclusiva di marchi internazionali con le loro fragranze per la persona e per l’ambiente, i prodotti body care, la ricerca sulle specialità cosmetiche. 

TOUCH! guardaroba ultra-contemporaneo

Padiglione Medici

I brand più sperimentali e innovativi, Touch! è la sezione che coniuga l'internazionalità con la ricerca stilistica, e le proietta in avanti. Il set di allestimento curato da Andrea Caputo Studio contribuisce a creare un'atmosfera ultra-contemporanea in cui si muovono designer dalla personalità più eclettica.  

L’ALTRO UOMO: sguardo sul futuro più eclettico

Arsenale+Sala dell'Arsenale

L’Altro Uomo definisce da sempre le più avanzate avanguardie stilistiche in scena a Pitti Uomo. All’interno di un layout firmato da Andrea Caputo Studio, una serie di collezioni di abbigliamento e accessori riflette una creatività capace di anticipare i trend.  

I GO OUT: la passione outdoor incontra la moda

Sala della Ronda

La passione per l'outdoor, la performance dei materiali e la continua ricerca stilistica si fondono nel progetto I Go Out, appuntamento ormai consolidato di Pitti Uomo. Qui si concentrano collezioni outerwear dal design impeccabile, proposte altamente funzionali ma di grande impatto estetico, capi e accessori talmente versatili da diventare elementi irrinunciabili del guardaroba maschile. Layout a cura di Andrea Caputo Studio. 

UNCONVENTIONAL: nuove prospettive, tra premium streetstyle e dimensione avant-garde

Archivi

Lo streetstyle di Unconventional è multiespressivo: grintoso nel design, luxury nei dettagli, ipertecnico nei materiali. Le proposte di questa sezione interpretano la contemporaneità e le sue richieste trasportando l'attitudine fashion in una dimensione attuale, athletic-minded e agender. Layout a cura di Storage Associati. 

I PLAY: sportswear takeover

Padiglione Cavaniglia

DNA internazionale per I Play, nato per esprimere il mood che ha spostato in avanti i confini dello sportswear. In primo piano, uno stile che lega in chiave creativa i modi del vivere urbano all’outfit degli sport autentici.  

URBAN PANORAMA: fashion and the city

Sala della Guardia+Armeria+Fureria

La grinta della metropoli, il suo stile: è Urban Panorama, un territorio aperto a chi ha sete di libertà, tra ispirazione biker e influenze etniche. Il denim vive con le sue infinite interpretazioni. Parola d’ordine, sovrapporre e mixare forme, materiali e stili. 

MY FACTORY: youth generation gang

Lyceum

Le sempre creative espressioni in erba della cultura metropolitana, nei loro link tra tecnologie, musica, arte e design, hanno trovato in My Factory un territorio fertile. Uno scenario perfetto per valorizzare le culture giovanili 2.0 e i più vivaci laboratori del settore urban e sportswear.

Reflections

Lyceum, Piano Terra

Un luogo delle idee per mostre, installazioni, conversazioni, spunti che abbiano uno sguardo e un approccio differente. Per questa edizione Andrea Caputo propone LAND FLAG, una riflessione sui consumi e sul riciclo. Esposti, come un’isola, i rifiuti in plastica prodotti in una settimana da uno studio professionale di circa seicento metri quadrati in cui lavorano sessanta persone, circondati dai materiali che possono risultare dal loro riutilizzo. Intorno a questa sorta di atollo si svolge una serie di conversazioni curate da Angela Rui, design critic e curator. Lo spazio è realizzato con il contributo di Reda, leader nella produzione sostenibile di tessuti.