Secret Florence. Al via la quarta edizione con un programma ricco di eventi

Rassegna sull’espressione artistica contemporanea con il sostegno del Comune di Firenze e di Pitti Immagine, Secret Florence torna alla sua quarta edizione come progetto speciale all’interno dell’Estate Fiorentina 2019. Uno spazio aperto alla città, un programma di eventi, performance site-specific e concerti in luoghi inediti, in scena dal 10 al 15 giugno. Tra gli eventi già confermati, Fabbrica Europa propone due nuove produzioni: A Peaceful, Peaceful Place che nasce dall’incontro tra Davide Valrosso e i danzatori indiani della compagnia Attakkalari di Bangalore grazie al sostegno di “Crossing the sea”, progetto di internazionalizzazione allo scopo di creare e consolidare collaborazioni di lungo termine tra Italia e Paesi asiatici e del Medio Oriente, e Perpetuo che presenta l'incontro inedito tra la musica di Gianni Maroccolo (C.S.I., Litfiba, Deproducers) e la danza della coreografa indiana Hema Bharathi Palani. Lo Schermo dell’Arte Film Festival presenta Diamantino – Il Calciatore Più Forte Del Mondo di Gabriel Abrantes e Daniel Schmidt, anteprima del film vincitore della Settimana della critica a Cannes 2018: una commedia ironica e surreale sui temi attualissimi dell’immigrazione e delle politiche nazionaliste. Musicus Concentus propone il concerto Dialogues, nuovissimo progetto di tre grandi musicisti: Stefano Maurizi, Luciano Biondini e Mirco Mariottini. Virgilio Sieni ha ideato per Secret Florence 2019 un progetto nuovo nel ciclo dei Cenacoli Fiorentini, in particolare per il Cenacolo di Sant’Apollonia e per il Cenacolo di San Salvi. Tempo Reale propone tre azioni distinte all’insegna della musica e del suono: Paesaggio Notte al Planetario di Firenze, un set di musica sperimentale in un contesto anticonvenzionale e normalmente dedicato alla fruizione scientifica del cielo stellato, mentre la Chiesa di San Giovanni Battista diventa il palcoscenico dove i musicisti del Tempo Reale Electroacoustic Ensemble insieme a Minus presentano una versione per dieci sintetizzatori, mai realizzata fino ad ora, della famosa opera Symphonie Monoton-Silence di Yves Klein. Infine, piccoli gruppi di persone saranno guidati all’esplorazione dello stadio Artemio Franchi, uno dei luoghi più popolari e vissuti della città, ma in totale assenza dei suoi abituali ospiti: attraverso il silenzio quindi l’immersione in un’esperienza sensoriale tanto potente quanto inedita. .